Home » Ecosostenibilità, Informazione, Scienza » Al Gore vince il Nobel per la pace

Al Gore vince il Nobel per la pace

L’ex vice presidente americano e candidato alla presidenza 2000 Al Gore vince il Nobel per la pace

Il premio diviso con il Comitato intergovernativo per i mutamenti climatici dell’Onu (Ipcc)
Al Gore (Reuters)OSLO – L’ex vice presidente americano Al Gore ha vinto il premio Nobel per la pace 2007 insieme al Comitato intergovernativo per i mutamenti climatici (Ipcc) dell’Onu. La motivazione del comitato per il Nobel per la pace riporta «gli sforzi per costruire e diffondere una conoscenza maggiore sui cambiamenti climatici provocati dall’uomo e per porre le basi per le misure necessarie a contrastare tali cambiamenti».OPERE – Gore, candidato democratico alla presidenza Usa sconfitto nel 2000 da George W. Bush, ha girato il film-documentario «Una scomoda verità» sul riscaldamento terrestre. L’Ipcc ha diffuso rapporti ed è in procinto di riprendere la discussione sul Protocollo di Kyoto per sostituirlo con un nuovo documento. L’Ipcc, presieduto dall’indiano Rajendra Pachauri, è una commissione Onu di cui fanno parte circa 3 mila scienziati tra oceanografi, studiosi dell’atmosfera, glaciologi, economisti; l’organismo è considerato la massima autorità scientifica sull’effetto-serra e il suo impatto ambientale. «L’Ipcc ha creato un sempre più ampio consenso informato sulla connessione che esiste tra le attività umane e il riscaldamento climatico», ha aggiunto il comitato Nobel. «Migliaia di scienziati di oltre cento Paesi hanno collaborato per accertare la certezza del riscaldamento in corso». Invece Gore «da lungo tempo è un ambientalista e politico che si è reso conto conto delle sfide climatiche che la Terra affronta, e il suo lavoro di divulgazione ha rafforzato la lotta contro i mutamenti climatici».
NOBEL – È il secondo premio Nobel per la pace che in pochi anni va a chi si è occupato di tematiche ambientaliste, come non è mai avvenuto in oltre cento anni di vita del prestigioso premio e a dimostrazione di una grande attenzione ai temi dell’ambiente. Infatti nel 2004 il Nobel venne assegnato all’ambientalista e pacifista keniana Wangari Maathai.
PRECEDENTI – È la nona volta che un premio Nobel per la pace va a un personaggio politico americano. In precedenza l’avevano vinto nel 1906 il presidente Theodore Roosevelt, nel 1912 l’ex segretario di Stato Elihu Root, nel 1919 il presidente Woodrow Wilson, nel 1925 il vice presidente Charles Gates Dawes, nel 1945 l’ex segretario di Stato Cordell Hull, nel 1953 l’ex segretario di Stato George Marshall, nel 1973 il segretario di Stato Henry Kissinger e nel 2002 l’ex presidente Jimmy Carter.Anche per le Nazioni Unite si tratta del nono premio. Nel 1954 e nel 1981 vinse l’agenzia per i Rifugiati, nel 1961 fu assegnato postumo al segretario generale Dag Hammarskjold, nel 1965 l’Unicef, nel 1969 l’Organizzazione internazionale del lavoro, nel 1988 i Caschi blu, nel 2001 l’Onu e il segretario generale Kofi Annan, e nel 2005 l’Agenzia internazionale per l’energia atomica.

Bene, ora avendo riportato la notizia tale e quale mi sento necessariamente di aggiungere un mio commento personale….
…sempre partendo dal presupposto che come una volta mi ha detto qualcuno, noi animalisti, no global, ecologisti e vegan siamo talebani ed invasati…
…ma non è che magari questo nobel c’entra qualcosina col fatto che il sig. Gore sia il rivale politico del fantastico presidente americano odierno…
…e non è che magari proprio ora che più che mai il sig. Bush è un tantinello in ribasso nel suo paese (ma non solo nel suo…e non solo adesso…) …
…magari dando un pò di luce al vecchio rivale si da anche una nuova aria alla situazione che ora è incentrata soprattutto sul potere a l’assoggettamento travestita da esportazione di democrazia incentrandola invece sull’attuale pensiero di massa verso il fattore climatico…che mi viene da dire…benchè sia un’ottima cosa magari era il caso di farlo un ventina di anni fà…(anche se meglio tardi che mai!!!)
…e nel frattempo la storia della Birmania e degli Stati Uniti esportatori di pace che però certo esportano la pace solo in certe regioni… possibilmente regioni che hanno qualcosa che poi può essere usato per avere ancora più potere su tutti gli altri stati magari è meglio…
…caspita sta volta ( e nota bene non è che mi lamento…meglio che non facciano nulla visto cosa di solito fanno!!!) non si sono mossi di un millimtro…sarà mica perchè c’era di mezzo la Cina in Birmania…
…insomma se io avessi dovuto asegnare un nobel , benchè per qualsiasi motivo l’abbia fatto bisogna riconoscere il merito al sig. Gore d’aver finalmente dato agli onori della cronaca il problema ecologico…magari l’avrei dato alla sig.Maria Kavallaris del Children’s Cancer Institute Australia ed al suo staff che in associazione con l’università del nuovo Galles del sud ha sviluppato efficaci tecniche che identificano i meccanismi di resistenza delle cellule tumorali chemioterapici anticancro senza l’ausilio di modelli animali (LE SCIENZE-ottobre 2007).
Alla Kavallaris è stato invece assegnato il premio australiano Voiceless Eureka che viene assegnato ogni anno alla ricerca più significativa che riduca o elimini l’uso di animali…quale migliore PACE ivece sarebbe quella tra le specie al mondo..ma forse credo che tale concetto di pace sia ancora troppo lontana dal pensiero antropocentrico umano…visto che non concepiamo neanche quella tra gli individui di uhna stessa specie: la nostra!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Print Friendly, PDF & Email

2 Responses to Al Gore vince il Nobel per la pace

  1. ma quanta roba! complimenti per la ricchezza di spunti e temi trattati … mi sa che andiamo MOLTO d’accordo! :)))) Ti aggiungo subito alla mia lista di blog amici! a presto!

  2. Grazie mille Tippitappi, è davvero un’onore detto da te…e comunque, si’ credo che simo proprio sulla stessa linea d’onda 😉
    …bellissino il tuo lavoro di grafica del volantino ed anche le tue t-shirt…appena avrò qualche soldino aspettati un mio ordine!!!…GRAZIE ANCORA PER IL TUO COMMENTO… e torna a trovarmi!!! GO VEG! 🙂

Rispondi