Categoria: Boicottaggio

Lo sfruttamento eccessivo delle zone di pesca modifica irrimediabilmente i nostri mari

Tweet Greenpeace, associazione da sempre attiva nella difesa degli ecosistemi e dell’ambiente avverte, supportata da dati e studi scientifici, come pesci predatori quali tonni, pesci spada, merluzzi, indicatori di buona salute degli ecosistemi marini, siano sempre meno tanto da ritenere che quasi il 90% di questi nel mondo sia ormai stato pescato. Allo stesso modo è notizia ormai risaputa che il tonno rosso ed il salmone atlantico siano in grave pericolo di estinzione. Proprio in questi giorni, rispettando i dati scientifici fino […] read more…

Bracconaggio ed Ue, corni di rinoceronte valgono più di oro e cocaina

Tweet Quest’articolo lo puoi leggere anche su greenreport.it il quotidiano per un’economia ecologica L’international Fund for Animal Welfare, l’IFAW, lancia un allarme forte e chiaro a Bruxelles: il bracconaggio non ha mai toccato livelli così alti prima e ciò è spiegabile solo dall’ingresso del crimine organizzato nell’affare. Come spiega Satyen Sinha, responsabile di IFAW, «I criminali sono attratti dal traffico di fauna selvatica per il basso rischio, gli alti profitti e le basse sanzioni…prodotti come i corni di rinoceronte possono valere […] read more…

La piccola rivoluzione

Tweet E’ un venerdì qualunque di fine luglio ormai, ancora due settimane e potrò concedermi quindici giorni di relax in compagnia dei miei pensieri, del mio compagno e dei miei dolci mostri completamente immersi nella natura. Davanti a me però ho ancora due settimane di lavoro e di quello intenso: la preparazione di un nuovo laboratorio per bambini ed adulti sui progetti di “guerrilla gardening” , l’inizio di una collaborazione davvero piacevole con il magazine BlossomZine della mia amica Dana, […] read more…

Giornata mondiale del commercio Equo e Solidale festeggiamola con Altromercato

Tweet           Coltivare un’altra economia, basata sulla solidarietà e il rispetto è possibile. Parlando di consumi e di economia spesso non ci fermiamo a riflettere sul vero significato di questi concetti. L’economia è fatta dalle persone e dalle loro vite: tutti noi, spinti dalla passione o dalla remunerazione, ci svegliamo la mattina e lavoriamo. Questo lavoro però per molti significa oltre che gratificazione e senso di utilità, anche la possibilità di vivere una vita felice e libera. E’ questo […] read more…

Liberta’ negata: le grandi scimmie ed il commercio illegale

Tweet   Le grandi scimmie quali gorilla, scimpanzé, orangutan rischiano sempre di più l’estinzione per colpa del commercio illegale selvaggio. A lanciare nuovamente l’allarme sulle loro gravi sorti è direttamente l’ONU e non solo. Con un ritmo di 3000 individui ogni annoesse vengono strappate ai loro habitat, come l’Africa centrale ed il Sud-est asiatico, per essere esportate in alcuni paesi dell’Asia e del Medio Oriente ( tra i maggiori paesi implicati vediamo Arabia Saudita, Emirati Arabi, Libano, Cina, Thailandia e Cambogia) a causa del commercio […] read more…

Minacciare la biodiversità senza vergogna

Tweet Apprendere che una compagnia di estrazione petrolifera, in questo caso la ibericargentina Pluspetrol, voglia procedere all’estrazione di gas naturale da una zona che è secondo l’Unesco “la zona più ricca di specie di tutta la terra” certo non coglie di sorpresa, ma certamente ci disgusta. E molto anche. Questo è più o meno quello che accadrà se la multinazionale che sta monitorando il parco nazionale Manu’ nell’Amazzonia peruvianariuscirà ad ottenere i permessi per le proprie ricerche. La notizia, apparsa sul Guardian è allarmante: il governo […] read more…

La zuppa insostenibile

Tweet Sono ormai anni che in Europa ci indigniamo di fronte alle culture alimentari orientali che prevedono l’uso di cani, gatti, balene e squali tanto da aver imposto il divieto di pratica ed importazione sui nostri territori (un esempio è il divieto di finning nei mari europei nel novembre 2012) Certo è che tutto questo è crudele ed insensato, ma forse non meno di macellare mucche, capre, agnelli, vitelli, polli e maiali, anche se questo generalmente evitiamo di pensarlo. Esiste […] read more…

Come diventare consum-attori con “coltiva” di Oxfam

Tweet Sono stata contattata da una ragazza molto gentile che mi scrive per informarmi di una campagna di sensibilizzazione portata avanti dalla confederazione internazionale Oxfam, una rete globale di ONG. Mi scrive per coinvolgermi attivamente nella promozione di questa campagna globale, in vista del lancio del METODO COLTIVA. Oxfam Italia Onlus è parte della rete Oxfam, che lavora in 92 paesi del mondo per sconfiggere la povertà e l’ingiustizia sociale portando avanti progetti di assistenza umanitaria oltre che sviluppo di […] read more…

Coltan: sangue, guerra e schiavitu’ in un cellulare

Tweet Si avvicina il Natale e forse hai già sognato il nuovo cellulare da farti regalare. Ormai saprai tutto, descrizione tecnica, costi, qualità ma…sai anche quanto sangue, guerra, distruzione e sfruttamento c’è in quello che desideri? Tutti dovrebbero conoscere, tutti dovrebbero sapere che cos’è il Coltan. Lo scandalo del Coltan infatti è uno scandalo che riguarda tutti noi, è uno scandalo che poggia le basi sui nostri consumi, sui nostri desideri e sulla nostra voglia di avere sempre di più, […] read more…

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Si avvicina il Natale e forse hai già sognato il nuovo cellulare da farti regalare. Ormai saprai tutto, descrizione tecnica, costi, qualità ma…sai anche quanto sangue, guerra, distruzione e sfruttamento c’è in quello che desideri?

Tutti dovrebbero conoscere, tutti dovrebbero sapere che cos’è il Coltan. Lo scandalo del Coltan infatti è uno scandalo che riguarda tutti noi, è uno scandalo che poggia le basi sui nostri consumi, sui nostri desideri e sulla nostra voglia di avere sempre di più, non curanti del prezzo che qualcun’ altro pagherà.

La storia del Coltan è una storia che si nasconde nel nostro cellulare e nella nostra consolle, nel nostro computer, ma anche nei materiali chirurgici, nelle cellule fotovoltaiche, nelle telecamere, negli air bag e nelle fibre ottiche.

Il Coltan infatti viene usato per tutte queste cose oltre che per la costruzione di turbine aeronautiche e per la fabbricazione di condensatori elettrici di piccole dimensioni.

La storia, come ogni storia che si rispetti, inizia in luogo lontano, soprattutto dai nostri occhi disattenti di consumatori voraci e parla di manodopera offerta per nulla, lavoro minorile, autorità locali che dovrebbero combattere il contrabbando e lo sfruttamento e che invece ignorano i morti e i soprusi; è una storia che parla anche del disastro ambientale avvenuto in due parchi naturali meravigliosi e che ha ridotto – secondo una denuncia del WWF, nel Parco nazionale di Kahuzi-Biega e nella riserva naturale di Okapi- la popolazione di elefanti quasi a zero rispetto ai circa 3.600 censiti nel ’96 ed a 220 gorilla dei 440 del ’96.

Ma cos’è il Coltan?

Il coltan è un minerale così prezioso da aver visto il suo prezzo sul mercato aumentare di più del 600% in appena 4 anni: è un minerale sempre più presente e sempre più ricercato; è una sabbia nera, debolmente radioattiva, formata dai minerali colombite e tantalio.

E’ il tantalio appunto, estratto dal Coltan, il metallo raro, usato per aumentare la potenza degli apparecchi riducendo il consumo di energia.

Il Tantalio è diventato un elemento necessario quindi all’industria elettronica dell’ultimo decennio.

I nuovi telefoni cellulari sono così piccoli anche grazie all’utilizzo di questo minerale, in particolare usato nella costruzione di condensatori e così la sua richiesta da parte dei colossi della telefonia mobile ha spinto il prezzo ad un’inarrestabile ascesa; i prezzi poi sono rimasti alti anche perché gli unici sostituti a questi condensatori – quelli fatti in ceramica – non possono adattarsi alle dimensioni ridotte desiderate.

Il tantalio mondiale veniva fornito da miniere brasiliane, canadesi e australiane, ma in seguito all’improvviso aumento della sua richiesta, le miniere esistenti non erano sufficienti a coprire l’improvvisa domanda e così sono state cercate nuove fonti dal quale estrarlo.

L’80% delle riserve mondiali di coltan si trovano in Africa e l’80% di queste sono in Congo: ecco perché la storia del coltan si lega in maniera indissolubile alla Repubblica Democratica del Congo, unico paese al mondo a possedere riserve di tantalio immediatamente utilizzabili.

Il coltan congolese è estratto da estemporanei minatori che scavano, anche a mani nude, per estrarre questa preziosa sabbia e quindi portarla a spalla fino ai centri di raccolta.

Nell’aprile 2001 l’Onu ha presentato un rapporto contro lo sfruttamento illegale dei giacimenti di coltan nel nord del Congo: secondo i dati, circa 1500 tonnellate del materiale sono state esportate illegalmente dall’Africa tra la fine del 1998 e l’estate 1999.

Il percorso del coltan è parallelo a quello dell’oro e dei diamanti.

Il traffico di coltan avrebbe fruttato circa un milione di dollari al mese, che sarebbero stati impiegati per finanziare la guerra da parte dei guerriglieri locali.

 

Un commercio senza regole che si basa su rapporti anomali tra guerriglieri locali, multinazionali occidentali e asiatiche ed organizzazioni criminali internazionali.

Un mercato, quello del coltan senza alcuna regola: se, infatti con il “protocollo di Kimberley” sono state poste “regole” al commercio dei diamanti, per il coltan non esiste alcuna regola; anche se l’amministrazione americana ha introdotto l’articolo 1502 che prevede, per i produttori di apparati elettronici, l’obbligo della certificazione sulla provenienza del coltan usato, sembra comunque una misura poco efficiente, vista la mancanza di un organo di controllo, riducendo così il tutto ad una semplice autocertificazione aziendale.

Dopo la diffusione di queste notizie però, diverse associazioni non governative belghe hanno lanciato una campagna di protesta con lo slogan ”niente sangue sul mio Gsm”.

L

e pressioni delle ong hanno convinto le compagnie aerea Sabena (citata nel rapporto ONU insieme ad altre 13 compagnie) e Swissair a sospendere il trasporto del coltan.

Il consiglio di sicurezza ha istituito una commissione d’inchiesta, e altrettanto ha fatto il parlamento belga, preoccupato per il possibile coinvolgimento di imprese del Paese.

“I principali motivi di conflitto nella Repubblica Democratica del Congo sono diventati l’accesso a cinque risorse di prima importanza- tra cui la colombotantalite, i diamanti e l’oro – nonché il controllo ed il commercio di queste materie”: questo è il primo punto delle conclusioni degli esperti ONU.

Alberto Vázquez-Figueroa, uno degli autori contemporanei più letti in Spagna, ha pubblicato nel 2008 nel suo libro “Coltan” un’indagine/denuncia molto approfondita.

Se volete leggere quello che le aziende ad oggi dichiarano in merito al Coltan basta scorrere sulle belle pagine web sotto la voce “Human Rights” di grandi colossi come Apple, Nokia o Samsung:

http://www.apple.com/supplierresponsibility/code-of-conduct/labor-and-human-rights.html

http://www.nokia.com/global/about-nokia/people-and-planet/impact/supply-chain/human-rights-and-the-supply-chain/

http://www.samsung.com/eu/sustainability/policyofcoltan.html

Se poi volete saperne di più è estremamente consigliato il documentario del 2007 “Bloody coltan”:

 

Chiedetevi ora se avete proprio bisogno di un nuovo cellulare.

FONTI:

news.bbc.co.uk

rainews24.rai.it

lastampa.it

 

Quest’articolo è pubblicato su Greenme

se vuoi leggere tutti i miei articoli pubblicati su greenme clicca QUI