Categoria: DIY

Saldi 2018: wardrobe capsule, decluttering e kakebo

Tweet 2018 Ecco il nuovo anno. Come sempre ogni anno nuovo inizia con una lista di buoni propositi. Ma, diciamocelo, continuate così ormai da sempre ed alcuni di questi beneamati buoni propositi vi assillano per le prime settimane e poi finiscono immancabilmente nel cassetto dei sogni perduti, o sbaglio? La prima cosa da fare, quando si pensa di voler realizzare un sogno, è guardare con occhi nuovi. In fondo c’era qualcuno che un tempo disse “…ripetere sempre le stesse azioni aspettandosi […] read more…

Come preparare in casa il Kefir d’acqua

Tweet Il Kefir è una bevanda con una bassissima gradazione alcolica, leggermente frizzantina che ci è stata regalata dalla tradizioned dei popoli del Caucaso. Questa magica pozione, esistente nella sua versione “d’acqua” e “di latte”, è tanto utile alla nostra salute perchè probiotica, ossia naturalmente ricca di batteri e lieviti (ed ovviamente di loro metaboliti) i quali aiutano a vivere bene la nostra flora intestinale e quindi il nostro intero organismo. Ma non solo, Il kefir d’acqua è anche molto […] read more…

Le ricette eco-perfette con gli scarti dell’estrattore

Tweet Testo di Carmela Kia Giambrone, foto di Carmela Kia Giambrone e de ilGiornaledelCibo.it Le ricette che nascono dalla fantasia sono sempre le più sorprendenti ed inaspettate, diciamocelo. Tenendo ben a mente questo, non possiamo non sperimentare, nelle nostre cucine, ricette a tutto riciclo. E allora lasciamoci sorprendere dalla possibilità di trasformare, sotto ai nostri occhi e tra le nostre mani, ingredienti che come per magia si trasformano da avanzi a preziosa risorsa. Uno di questi ingredienti è certamente la […] read more…

Ricette per gelati, sorbetti e ghiaccioli vegan-friendly

Tweet Anguria, melone, mango, fragola, ciliegia, limone, mora, menta, lampone, zenzero, ananas, tè matcha, banana, cioccolato, cannella: cosa hanno in comune tra loro tutti questi ingredienti? Ognuna di queste prelibatezze può trasformarsi, con pochissimo sforzo, in un gelato, un sorbetto, una granita o un ghiacciolo completamente vegetale e in grado di allietare corpo e mente nelle giornate più afose. Chi, da bambino, non ha provato almeno una volta a preparare da sé dei ghiaccioli usando succhi di frutta, sciroppi ed […] read more…

One man one cream di lush? fatta in casa ecobio e vegan

Tweet A tutte noi capita, un bel giorno, d’incontrare quello perfetto. Ti volti ed è lì: lì sullo scaffale e tu non puoi crederci. Di cosa parlo? del prodotto cosmetico a cui non potrai mai rinunciare. E poi, un giorno anche Lui incontra il suo prodotto perfetto. Allora ti dici perchè non dovrei realizzarlo con le mie mani in esclusiva per Lui? Nota bene: non lo faremo certo per risparmiare (nè tempo nè denaro ma solo perchè adoriamo spignattare e […] read more…

Tofu fatto in casa: procedimento base ed usi in cucina

Tweet Da sempre bistrattato, principe indiscusso della cucina che parla orientale, qui da noi sdoganato solo da alcuni anni grazie all’avvento della è uno degli elementi più utili e versatili che si possano inserire in cucina, dall’antipasto al dolce. Come abbiamo già visto con il seitan, può essere realizzato in casa, anche senza grandi conoscenze tecniche e soprattutto con pochi ingredienti. Comunemente il tofu viene chiamato “formaggio di soia”, non tanto per le sue qualità organolettiche bensì per la similarità estetica […] read more…

Come preparare i ceci tostati fatti in casa

Tweet New drug, new addiction: ceci tostati fatti in casa, uno snack sano, veloce e super sfizioso. Ci avete mai pensato a quale sia la strategia migliore per superare quegli istanti di irrefrenabile desiderio di junk food che a tutti noi capitano soprattutto al rientro da lavoro dopo una lunga giornata passata a districarci tra i mille impegni? Ebbene, anche se di norma scegliamo un’alimentazione sana e naturale alle volte quel desiderio arriva ed allora una delle migliori soluzioni è […] read more…

Come avere l’avocado sempre maturo al punto giusto

Tweet Chiunque ami l’avocado, che sia in insalata o come componente dei nostri dolci o della nostra guacamole preferita, è ben consapevole di quanto sia difficile essere tanto fortunati da trovare questo strano frutto maturo al punto giusto. Una mia amica, nativa dell’Ecuador, mi spiegava qualche giorno fa, come lei trovi davvero assurdo vedere tutti quegli avocados assolutamente immangiabili che vengono venduti nella maggior parte dei supermercati nostrani. A loro discolpa, infatti, c’è da ricordare che arrivando da molto lontano […] read more…

Kokedama fai da te: l’arte vegetale giapponese delle piante volanti

Tweet I Kokedama o air bonsai spopolano ormai da molto tempo e sono entrati a fare parte dei nostri giardini come naturale evoluzione dei bonsai. Queste “palle di muschio“o bonsai volanti, traduzione letterale del loro nome, rivestono ormai un posto d’onore in ogni luogo verde che si rispetti e grazie soltanto alla loro presenza, sono capaci di rendere un luogo prima sterile immediatamente zen-minimal e green-chic. Non lasciatevi ingannare dal loro portamento e dalla loro apparente ricercatezza, se pensate che […] read more…

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

I Kokedama o air bonsai spopolano ormai da molto tempo e sono entrati a fare parte dei nostri giardini come naturale evoluzione dei bonsai.

Queste “palle di muschio“o bonsai volanti, traduzione letterale del loro nome, rivestono ormai un posto d’onore in ogni luogo verde che si rispetti e grazie soltanto alla loro presenza, sono capaci di rendere un luogo prima sterile immediatamente zen-minimal e green-chic.

Non lasciatevi ingannare dal loro portamento e dalla loro apparente ricercatezza, se pensate che i kokedama siano difficili da creare e credete che per poterne godere dovrete per forza di cose acquistarne uno, dimenticatevelo!

Realizzare un giardino di kokedama con le proprie mani è davvero un gioco da ragazzi e se non ci credete, sappiate che la migliore artista di kokedama non ha più di 10 anni!

Ci sono solo pochi ingredienti che vi serviranno, un poco di manaualità ed il gioco sarà fatto!

Il successo del vostro kokedama fatto in casa sarà dovuto al mix di substrato che utilizzerete e dalla pianta che sceglierete.

Ma ecco gli ingredienti che vi servranno:

  • terriccio per bonsai
  • argilla (di quella usata per le seed bombs)
  • compost homemade
  • muschio secco
  • muschio fresco
  • filo di cotone naturale o canapa
  • pianta scelta
  • un recipiente
  • guanti da giardinaggio
  • forbici

Procedimento

step1 la palla

Indossate i guanti ed unite il terriccio per bonsai, il compost e l’argilla in parti uguali nel recipiente.

Raggiungete una consistenza tale che vi permetta di formare con il substrato, una palla della dimensione di un’arancia che possa compattarsi e che non si apra. Se necessario aggiungete dell’acqua.

Ora prendete questa palla e ponetela da parte.

step2 la pianta

Prendete una pianta semplice come la pervinca, una pianta perenne e con abbondante fioritura oppure dell’edera, molto resistente o ancora delle varietà di piante grasse pendenti come la pianta del rosario o ancora una delle tante varietà di clematis, della menta o delle felci insomma…a voi la scelta.

La prima cosa che dovete fare è liberare l’apparato radicale dal terriccio che lo avvolge, fate molta attenzione perechè questo passaggio tanto fondamentale è anche un forte shock per la pianta quidi cercate di farlo in fretta e delicatamente.

step3 il muschio

Ora prendete del buon muschio secco e create degli strati che serviranno a coprire le radici della pianta per proteggerle.

step4 l’inserimento

Prendere la vostra palla di terriccio, apritela a metà con molta cura e ponete le radici della pianta che avete scelto nel mezzo del substrato. Unite le due metà, chiudete il tutto come fosse un’arancina siciliana comprimendo leggermente ed aggiungendo altro substrato se necessario.

step5 il rivestimento

Quando la palla risulsta di nuovo solida aggiungete del muschio fresco ma questa volta tutto attorno alla palla contenente le radici. Fatelo con molta cura, utilizzando un grosso pezzo unico di muschio e premete leggermente per farlo adesire bene alla palla.

step6 il fissaggio

A questo punto, per realizzare il vostro kokedama fatto in casa non vi resta che la fase del fissaggio: usate una corda naturale, non siate avidi, tagliatene un bel pezzo almeno della lunghezza di 3 metri e, lentamente, legate come nell’arte dello shibari tutto attorno la vostra palla di muschio verde .

step7 eccolo pronto

Et voila …il vostro kokedama handmade è pronto!

Il muschio che avete posto attorno crescerà e farà scomparire il filo completamente nel verde rendendo la vostra creazione verde super compatta.

Una volta realizzato potrete appenderlo ovunque vogliate, nel vostro patio, al vostro gazebo o perchè no in casa; potrete regalarlo come buon auspicio per una nuova casa o per una nascita ma qualunque cosa ne facciate sicuramente ne rimarrete affascinati.

Non dimenticate però che il vostro kokedama è un elemento di biodiversità vivo quindi non dimenticate di idratarlo ed esporlo alla luce (non al sole diretto però).

Per mantenerlo sano e bello dovrete bagnarlo: vi basterà vaporizzare dell’acqua declorata utilizzando un comune spruzzino un paio di volte la settimana.

Buona sperimentazione verde!