Categoria: Help animals

Gesti d’amore sparsi e a caso: è quasi il nuovo anno!

Tweet Sottotitolo… la fine del 2015 è vicina ed allora quale può essere il modo migliore per accogliere il nuovo anno se non quello di mettere in pratica un gesto di amore ed altruismo? In meno di 10 minuti, con estrema semplicità e tutto con le nostre mani (naturalmente!) prepareremo delle bellissime (e buonissime!!!) tavolette super nutrienti per piccoli visitatori che approderanno felici nei nostri terrazzi, balconi o giardini. Naturalmente vegan e sani! Cosa servirà? potrete aquistare mix di semi […] read more…

Lo sfruttamento eccessivo delle zone di pesca modifica irrimediabilmente i nostri mari

Tweet Greenpeace, associazione da sempre attiva nella difesa degli ecosistemi e dell’ambiente avverte, supportata da dati e studi scientifici, come pesci predatori quali tonni, pesci spada, merluzzi, indicatori di buona salute degli ecosistemi marini, siano sempre meno tanto da ritenere che quasi il 90% di questi nel mondo sia ormai stato pescato. Allo stesso modo è notizia ormai risaputa che il tonno rosso ed il salmone atlantico siano in grave pericolo di estinzione. Proprio in questi giorni, rispettando i dati scientifici fino […] read more…

Bracconaggio ed Ue, corni di rinoceronte valgono più di oro e cocaina

Tweet Quest’articolo lo puoi leggere anche su greenreport.it il quotidiano per un’economia ecologica L’international Fund for Animal Welfare, l’IFAW, lancia un allarme forte e chiaro a Bruxelles: il bracconaggio non ha mai toccato livelli così alti prima e ciò è spiegabile solo dall’ingresso del crimine organizzato nell’affare. Come spiega Satyen Sinha, responsabile di IFAW, «I criminali sono attratti dal traffico di fauna selvatica per il basso rischio, gli alti profitti e le basse sanzioni…prodotti come i corni di rinoceronte possono valere […] read more…

Ottobre é arrivato!

Tweet Qualche tempo fa finalmente sono riuscita a trovare l’esatto modello di stufa a legna Zoppas Economica a cui davo la caccia da anni, cerca e ricerca ed eccola lì, costo decisamente abbordabile. Certo l’unica cosa é i chilometri da fare per andare a prenderla, la fatica e i favori chiesti a virili omaccioni per alzarla e trasportarla (in cambio di ottime cene vegan!) ed inoltre era anche da sistemare, nel complesso però era ben messa anche se molto sporca […] read more…

Signore, orti e tè delle cinque

Tweet Per la rubrica del blog “I Love Green Book” (perché la cultura nasce dai libri, anche quella verde…così é stato e così sarà sempre!) ecco il libro dell’estate! (La rubrica é un appuntamento fisso mese dopo mese e chiunque decida di partecipare può apporre sul proprio sito o blog il banner “ILoveGreenBook” copiando ed incollando questo codice sotto!) <a border=”0″ href=”http://equoecoevegan.it/” target=”_blank”><img border=”0″ height=”120″src=”http://www.equoecoevegan.it/wp-content/uploads/2013/05/green_book-300×201.png” width=”150″/></a> Lo sapete che le rose amano le banane? E che le felci sono innamorate delle fucsie? Probabilmente non conservate nemmeno i peli […] read more…

Fipronil, api ed Unione europea: la danza continua

Tweet Da quando anni fa ho letto “La scomparsa delle api” di Sylvie Coyaud consigliato da un mio professore in università, tendo ad essere molto cauta sulle notizie diffuse dai media circa il problema del declino delle api ma quando mi ritrovo a leggere l’articolo sul Guardian che parla del fipronil (prodotto dalla tedesca BASF) non posso che fermarmi un istante di più. La cosa che mi lascia perplessa non é il fatto che per l’ennesima volta un insetticida risulti essere […] read more…

L’Opossum pigmeo a rischio d’estinzione a causa del global warming

Tweet Mountain Pygmy-opossum ( Burramys parvus ) Fonte: http://www.environment.gov.au/   Opossum australiano a rischio estinzione per colpa del clima che cambia. I cambiamenti climatici ai quali si vede sottoposta la nostra Terra, lo sappiamo, non sconvolgono solo le nostre abitudini o la nostra vita, sono, infatti, enormi e stanno avvenendo su tutto il pianeta coinvolgendo interi ecosistemi fino ad ora perfettamente funzionanti, e questo proprio a causa dell’innalzamento, anche solo di 1 grado, delle temperaure. Ciò perché ogni cosa, anche se spesso tendiamo […] read more…

Liberta’ negata: le grandi scimmie ed il commercio illegale

Tweet   Le grandi scimmie quali gorilla, scimpanzé, orangutan rischiano sempre di più l’estinzione per colpa del commercio illegale selvaggio. A lanciare nuovamente l’allarme sulle loro gravi sorti è direttamente l’ONU e non solo. Con un ritmo di 3000 individui ogni annoesse vengono strappate ai loro habitat, come l’Africa centrale ed il Sud-est asiatico, per essere esportate in alcuni paesi dell’Asia e del Medio Oriente ( tra i maggiori paesi implicati vediamo Arabia Saudita, Emirati Arabi, Libano, Cina, Thailandia e Cambogia) a causa del commercio […] read more…

Minacciare la biodiversità senza vergogna

Tweet Apprendere che una compagnia di estrazione petrolifera, in questo caso la ibericargentina Pluspetrol, voglia procedere all’estrazione di gas naturale da una zona che è secondo l’Unesco “la zona più ricca di specie di tutta la terra” certo non coglie di sorpresa, ma certamente ci disgusta. E molto anche. Questo è più o meno quello che accadrà se la multinazionale che sta monitorando il parco nazionale Manu’ nell’Amazzonia peruvianariuscirà ad ottenere i permessi per le proprie ricerche. La notizia, apparsa sul Guardian è allarmante: il governo […] read more…

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

parco manu

Apprendere che una compagnia di estrazione petrolifera, in questo caso la ibericargentina Pluspetrol, voglia procedere all’estrazione di gas naturale da una zona che è secondo l’Unesco “la zona più ricca di specie di tutta la terra” certo non coglie di sorpresa, ma certamente ci disgusta. E molto anche.

Questo è più o meno quello che accadrà se la multinazionale che sta monitorando il parco nazionale Manu’ nell’Amazzonia peruvianariuscirà ad ottenere i permessi per le proprie ricerche.

La notizia, apparsa sul Guardian è allarmante: il governo peruviano sembra possa, infatti, concedere una serie di permessi che includeranno anche lo sfruttamento della riserva.

Manù è casa del 10% di tutte le specie diuccelli presenti al mondo, 5% di tutti i mammiferi e 15% di tutte le farfalle oltre a molti animali rari e unici come i giaguari e gli armadilli giganti.

Manu’ è anche la casa di tribù ancora incontaminate ed estremamente vulnerabili all’esposizione di nuove malattie che vivono nella foresta da sempre.

Per questi motivi l’ Unesco ha dichiarato il parco “patrimonio dell’umanità e riserva della biosfera con la più ricca biodiversità presente più che in ogni altro luogo presente sul pianeta“.

Secondo Rob Williams della Zoological Society di Francoforte solo Madidi, in Bolivia, è l’unico altro luogo concorrente di Manu’, perché tanto ricco di biodiversità.

reserva manu

Secondo Rebecca Spooner, ricercatore presso Survival International “non si può giustificare alcuna azienda che voglia lavorare in una regione così sensibile” e benché le leggi peruviane proibiscano operazioni estrattive nei parchi nazionali secondo i documenti scoperti, laPluspetrol ha chiesto il permesso all’autorità di entrare nelle aree protette del Perù e, benché ad oggi tale permesso sia stato loro negato, la società potrebbe sviluppare una strategia per ottenere tale autorizzazione in futuro ed è questa la vera preoccupazione.

manu riserva

Le organizzazioni dell’Amazzonia peruviana hanno annunciato l’avvio di un’azione legalecongiunta contro l’espansione del progetto ma la realtà è che fino a quando l’interesse delle grande lobby guiderà le scelte dei governi le cose non potranno davvero cambiare ed i tanti mutamenti del mondo porteranno irrimediabilmente sempre alle stesse conclusioni.

Foto: Cariocanoperu

La cosa che non si comprende, infatti, resta il perché il governo del Perù permetta alla Pluspetrol di agire senza seguire le leggi, minacciando la sopravvivenza di popolazioni e il delicatissimo equilibrio di uno dei luoghi più preziosi al mondo che una volta perso sarà impossibile recuperare.

Kia – Carmela Giambrone

quest’articolo è pubblicato su Greenme

se vuoi leggere tutti i miei articoli pubblicati su greenme clicca QUI