Home » Ricette Vegan » Le mie 5 colombine vegan

Le mie 5 colombine vegan

Come promesso eccco finalmente il racconto dell’autoproduzione della Colomba Vegan.
Allora…partiamo dal presupposto che io non l’ho mai amata (ma questo perché io a parte il cioccolato non sono un’adepta dei dolci!)….al massimo ci facevo colazione la mattina…però a Pasqua era (un po’ come a Natale con il panettone!) tradizione nella mia famiglia, dopo il pranzo, distribuire ad ognuno dei commensali una fetta di questo dolce… e visto che voglio fare capire alle persone della mia famiglia che ancora nutrono riserve e dubbi sulla mia scelta, che in fondo non vi è alcuna rinuncia nella scelta vegan allora… quale miglior modo se non quello di presentarsi con una colomba (cioè…5piccole colombine) che anche io posso mangiare?
…così ho cercato la ricetta e l’ho trovata su vegan3000… ho quindi raccolto gli ingredienti e dopo aver trovato gli stampi in carta monouso (l’unica cosa difficile!) un pomeriggio che ero a casa dal lavoro e che non avevo i corsi in università mi sono cimentata nella preparazione nel dolce pasquale per eccellenza.
La ricetta che ho seguito prevedeva …
Per l’impasto:

600 gr di farina manitoba25 gr di lievito di birra250 gr di margarina vegetale2 cucchiai di maizena150 gr di zucchero di cannascorza grattugiata di 1 limone1 pizzico di sale100 ml di latte di soia tiepido1 fialetta di aroma al limone (facoltativa)1 bustina di vanillina100 gr di canditi o uvetta, oppure 150 gr di gocce di cioccolata

Per la glassa:1 manciata abbondante di mandorle spellate e nocciole2 cucchiai di zucchero di canna2-3 cucchiai di malto di orzo o di sciroppo di acero
Per la decorazione:granella di zucchero e mandorle
la ricetta era questa:
Impastate 60 gr di farina con il lievito sciolto in un dito di acqua tiepida, fate un panetto e mettetelo a lievitare coperto in una ciotola.Quando avrà raddoppiato di volume, toglietelo dalla ciotola e metteteci dentro 540 gr di farina, 100 gr di margarina a pezzetti e a temperatura ambiente, lo zucchero, la scorza del limone grattugiata, il sale, il latte, il panetto lievitato, la vanillina e impastate il tutto per almeno 10 min., energicamente, aprendo la pasta con le mani, stropicciandola, fino a formare una palla liscia che non si attacca alle mani.Rimettetela nel contenitore e lasciatela lievitare tutta la notte.Al mattino togliete la margarina dal frigo (150 gr) lasciatela a temperatura ambiente e unitela all’impasto a pezzetti, unite anche i canditi o quello che preferite e lavorate la pasta ancora per un po’.Distribuite la pasta in uno stampo per colomba, io ho usato quelli di carta, dividendo l’impasto in tre parti, uno per il corpo e due per le ali, lasciate lievitare di nuovo.Preparate la glassa: tritate una manciata abbondante di mandorle spellate e nocciole nel mixer con lo zucchero e un goccio di acqua, 2/3 cucchiai di malto di orzo o sciroppo di acero.Distribuite la glassa sulla colomba, decorate con granella di zucchero e mandorle.Infornare a 190°C per 1 ora.Se la glassa tende a scurirsi troppo coprite con un foglio di alluminio.

…allora…
…io vi ho apportato qualche modifica…più per necessità che per volere…la maizena non l’ho aggiunta e l’ho sostituita con la farina 00, ho utilizzato al posto della fialetta di aroma e della vanillina un pezzetto di vaniglia finemente tritata, inoltre dato che per sbadataggine mi sono dimenticata di conservare un po’ di mandorle ( che ho tritato per dare più gusto alla pasta…) da parte per la decorazione , sono ricorsa ai semi di girasole ed al posto della granella di zucchero ho utilizzato dello zucchero di canna in granelli più grossi….
RISULTATO?
ottima, morbidissima ma forse un po’ poco dolce, la prossima volta aggiungerò un po’ più di zucchero, per il resto le mie modifiche sembrano non aver intaccato la ricetta iniziale visto l’enorme successo che ha o meglio hanno ( …visto che gli stampini che ho utilizzato erano 5 da 100gr…) riscosso il giorno di Pasqua…insomma….assolutamente da rifare ( e da provare a Natale col panettone!!!!) e magari sta volta aggiungo anche dei pezzettini di cioccolato….ehm….goduriooooosaaaaa…..slurp!

…per dovere di cronaca vi dico anche che ho cercato di autoprodurre l’uovo di cioccolato extrafondente ma non so’ perchè non ci sono mai riuscita visti i miei tre tentativi che hanno visto il cioccolato rompersi costantemente quando tentavo di toglierlo dallo stampo 🙁 forse facevo
troppo fine la parete…non so’ alla fine ho dirottato sui cioccolatini pasquali….ho preso il cioccolato, l’ho fuso e l’ho colato in piccoli stampini a forma di coniglio ovetto e agnellino….riusciti benissimo ma ninte foto…sono durati troppo poco!
Felici feste!
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Print Friendly, PDF & Email

4 Responses to Le mie 5 colombine vegan

  1. ero curiosa di vedere l atu aalternativa.della colomba…e devo dire che mi sembra perfetta…quando avevo letto la ricetta…mi erano venute in mente due cose: sostiturie la margarina con l’olio (ma temo ch el’impasto sia troppo pesante) e il latte di soia con quello di riso (per ils apore dolce)…ti sembrano delel idee balenghe???

  2. nooo per niente ma la margarina basta che prendi quella alla soia che ha quasi il sapore del “burro” e la si può usare anche “cruda”, per il latte puoi anche usare quello di riso o ancora meglio di mandorla( per la serie chissenè della kCal!…) ma puoi cmq usare quello alla soia se lo aromatizzi con la vaniglia quella fresca!!!;P

  3. uhhhhh grazie!!!! 😉

  4. ma sono fantastiche queste colombine…ti sono venute davvero bene, sembrano quelle della pasticceria!!!
    complimenti per il tuo blog, lo trovo molto interessante!
    a presto
    ciaoooooooooooo

Rispondi