Home » Autoproduzione, Boicottaggio, Ecosostenibilità, Salute, Tutorial ecocosmesi, Tutorial ecopulizie » INCI international nomenclature cosmetic ingredients

INCI international nomenclature cosmetic ingredients

Ho riflettuto sulle tante scelte che faccio nel mio quotidiano: mangio biologico e locale, sono vegan, vesto naturale nei limiti del possibile, scelgo equo e solidale, spreco il meno possibile ed autoproduco ciò che posso. Eppure fino ad oggi non mi ero mai fermata a leggere l’ Inci. L’inci, sì, la lista degli ingredienti dei cosmetici che utilizzo.

L’inci questo sconosciuto

L’ INCI, si può leggere ebbene sì, certo facendosi aiutare, magari usando il biodizionario sito tutto italiano o l’inglese skin deep che elenca anche gli studi scientifici in merito a pericolosità delle sostanze usate.

Per capire  quindi se un prodotto cosmetico è dannoso per la pelle o per l’ambiente bisogna conoscere quali principi attivi contiene. Gli ingredienti nell’inci, vengono elencati in ordine di quantità decrescente: per primi quelli in dose maggiore e poi quelli in dosi minori.

Attenzione però, non è sufficiente che un dato ingrediente venga autorizzato per farci star tranquilli, esso infatti potrebbe non essere sicuro: esistono molti rischi diversi come quelli legati alle allergie, sempre più in crescita o di accumulo, di comedogenicità, di incremento dell’incidenza tumorale o di inquinamento di fiumi, mari ed ambiente  o di tossicità. 

Un esempio su tutti? il profumo.

Parfum sicuro oppure no?

Parfum ossia la componente odorosa che viene ottenuta sempre dalla miscela di più sostanze. Ne esistono più di cinquemila, alcune di origine naturale ed altre no. La maggioranza sono molecole sintetiche, mentre alcune, sono sempre di origine naturale come per esempio il muschio che viene estratto dalle ghiandole di un piccolo cervo del Cashmir.

Molte profumazioni sintetiche sono pericolose per l’uomo perchè causano allergie, dermatiti e reazioni più in generale inaspettate.

Ogni anno l’Ifra (international fragrances association) stila una lista di autoregolamentazione mettendo al bando sostanze di cui sia stata dimostrata la pericolosità oppure limitandone la percentuale d’impiego. Eppure questo per quanto migliori la situazione non rende sicuro l’elemento Parfum sempre presente nei comsetici.

Insomma se prima mi bastava sapere che provenissero da aziende cruelty-free o etiche dal punto di vista delle persone (quindi che non facevano parte di marchi da boicottare) ma il pensiero che forse basare tutto sulla fiducia senza leggere sul retro delle confezioni non fosse una cosa saggia non mi aveva mai sfiorata ora invece ovviamente la cosa sembra davvero diversa.

Esistono infatti molti prodotti che pur essendo vegan sono pessimi prodotti, poco biodegradabili o che contengono sostanze petrolifere. Insomma se sono contro la sofferenza degli animali vorrei anche evitare di buttare nello scarico e quindi nei mari e nei fiumi, sostanze che uccidono ed intossicano  fauna e la flora, ovvio, no?!

Quindi eccomi qui: a questo punto prendo in mano tre flaconi a caso dal mio bagno ed inizio la mia revisione cosmetica. Paura e terrore, ecco le parole che decrivono quel che leggo.

Piccolo vademecum utile sugli ingredienti cosmetici e sugli inci da evitare

SLES sodium laureth sulfate, Laureth sulfate, Cocamide DEA tensioattivi aggressivi

DMDM hydantoin conservante che rilascia formaldeide cancerogena

PEG, Laureth-4, Coceth-7 origine petrolifera

isopropyl myristate altamente comedogeno

methylchloroisothiazolinone potente allergizzante

carbomer gelificante a base petrolifera, resina sintetica non biodegradabile

propylene glycol solvente a base petrolifera, è il liquido antigelo, esercita la sua azione solvente anche sulla pelle “solubilizzando” i grassi fisiologici

polyquaternium-7 condizionante ittiotossico

triethanolamine rilascia nitrosammine, cancerogene e mutagene

ethoxydiglycol di derivazione petrolifera

imidazolidinyl urea pessimo conservante, rilascia formaldeide cancerogena

EDTA è un chelante, forma complessi con gli ioni metallici presenti nei cosmetici sequestrando i metalli e rendendoli disponibili per essere disciolti in acqua. Quando i residui di cosmetici finiscono nelle acque, provocano un aumento dei metalli presenti, intossicazione della fauna marina presente ed in ultima analisi nell’intera catena alimentare

Quindi che fare?

In conclusione stando così le cose capisco che, nella maggior parte dei casi, l’idea che ho (abbiamo) dei cosmetici che scelgo(gliamo) risulta essere basata esclusivamente sull’efficienza del marketing che viene realizzato dalla sua casa produttrice piuttosto che da quello che contiene davvero la crema o il detergente scelto.

Non resta che imparare a leggere e quindi scegliere consapevolmente e poi, perchè no, produrre da sè i propri cosmetici.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Print Friendly, PDF & Email

6 Responses to INCI international nomenclature cosmetic ingredients

  1. Ciao!! sono contenta di essere tra i tuoi lnk (i fiori dell’anima), mi spiace anzi che il mio blog non sia ancora “decollato” del tutto, c’è scritta poca roba…forse perchè anche io sono un po’ indecisa e ferma sui miei passi in generale. Il tuo blog è bellissimo!! un bacio grande
    NaturElisa

  2. ciao! nel tuo blog ci sono cose molto interessanti… tienilo aggiornato che lo leggo volentieri! 🙂

  3. Se posso vorrei consigliarvi un sito interessante, L’Angolo di Lola, dove c’è un elenco di tanti prodotti con relativa spiegazione di INCI e principi attivi. Date un’occhiata anche al forum che è molto attivo. per fortuna siamo sempre di più a curarci di questo aspetto!
    http://lola.ilbello.com/index_int.php

  4. Grazie mille a tutte e due, siete molto carine!
    Cercherò di aggiornare il più frequentemente possibile il blog perchè è bello che ci siano persone che come me e come voi si curano del mondo che ci circonda ed
    impediscono alla società consumistica e superficiale in cui viviamo di spazzare via tutto quello che c’è di etico e positivo!
    Naturelisa tranquilla…non mollare e vedrai che il blog sarà un successo…magari se ti và perchè non scriviamo un post a quattro mani e lo pubblichiamo su entrambi i nostri blog…se t và contattami via mail che ci organizziamo! : )
    …e grazie mille per il link di lola…ci andrò di sicuro!!! : )
    Grazie Laangy…farò il possibile per rinnovare il tuo interesse!!! ; )
    …un bacione a tutte e due e tornate a trovarmi!!!

  5. Io ho provato Lavera e Weleda e mi sono sembrate una rivelazione ! Costose però …
    Più weleda, lavera fa cose più alla portata. Che ne pensi ? Ciao Angela

  6. Lavera e Weleda non sono male ma non hanno inci verdissimi…la marca che preferisco è Fitocose ma vendono solo on line… 😉

Rispondi