Home » Boicottaggio, Informazione, Iniziative Veg, Tutorial ecocosmesi » LAV-guida pratica NON TESTATO

LAV-guida pratica NON TESTATO

Le aziende approvate

Le aziende elencate sono le prime imprese italiane che sono state approvate dalla LAV e che hanno sottoscritto l’impegno a rispettare lo standard, e quindi a non commissionare e a non effettuare test su animali sul proprio prodotto e sulle materie prime che lo compongono.
Scegliendo i prodotti e le marche commercializzate da queste aziende, potrete acquistare cosmetici, saponi, prodotti per l’igiene orale e detersivi, con la certezza di non contribuire alla sperimentazione animale.
Aziende Italiane

Derbe : Regenè; Speziali Fiorentini; Seres.
Cibe Laboratori: Fiori & Frutta; Mondo Naturale; Antica Provenza Ligure, Econatura, Antico Marsiglia, Samarcanda.
Helan
I Serafini
D’Aymons
Indica
Evan Bartholomew: Evan
Saponificio Gianasso : Floralia; i Provenzali.
Flora
SAN.ECO.VIT :Ecoland, Biobi, Ecor, Ecotan, Victor Philippe.
BioPet
Hawai
Coop
L’Erbolario
Argital
Aziende straniere distribuite in Italia
The Body Shop
Montagne Jeunesse
John Pal Mitchell System
Jason Natural Cosmetic
W.S.Badger

inoltre Lav consiglia cosa ognuno di noi può praticamente fare, cioè scegliere solo i prodotti delle aziende presenti nell lista, se il produttore dei propri cosmetici preferiti non ha ancora sottoscritto lo standard “Non testato su animali” bisogna invitarlo a non effettuare o commissionare test su animali e ad impegnarsi per rispettare lo standard LAV, maggiori saranno le aziende che aderiranno, minori saranno gli animali vittime degli esperimenti.

Suggerisce anche di adattare con i propri dati la seguente lettera:

Spett.le
Sono un vostro consumatore da tempo e apprezzo molto la qualità dei vostri prodotti; tuttavia vorrei conoscere il motivo per cui la vostra ditta non compare sulla Guida Pratica dei cosmetici della LAV (Lega Anti Vivisezione, www. Infolav.org), che so essere l’unica a basarsi su uno standard internazionale, così come ho saputo dalla stessa LAV e al cui questionario non avete risposto. La stessa associazione mi ha comunicato che il disciplinare dello standard cosmetici si basa sul fatto che una ditta si impegna, dalla data della sottoscrizione dello standard, a non effettuare ne’ commissionare test su animali su prodotti ed ingredienti, seguendo tutta la filiera produttiva fino al produttore di materie prime. Inoltre dal 2004 la conformità allo standard ella LAV è controllata da ICEA (Istituto per la Certificazione Etica e Ambientale), cosa che rende lo standard serio e affidabile a mio avviso. L’adesione allo standard cosmetici permette di evitare l’incremento della sperimentazione animale a scopo cosmetico, poiché la il produttore di cosmetici utilizzerebbe solo le materie prime fino a quel momento in commercio e non le nuove che richiederebbero, per legge, nuovi test su animali.
Spero di trovare il vostro nome sulla nuova Guida della LAV, altrimenti rivolgerò i miei consumi altrove.
Cordiali saluti
Nome e Cognome

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Print Friendly

Rispondi