Home » Autoproduzione, collaborazioni, DIY, Ecosostenibilità, Informazione, Natura, Tutorial addobbi » Ognissanti, Samhain ed Halloween, qualunque cosa festeggiate fate che sia green!

Ognissanti, Samhain ed Halloween, qualunque cosa festeggiate fate che sia green!

Halloween-pumpkinInnanzitutto un po’ di storia…
Ognissanti proviene da Halloween e questo a sua volta proviene da Samhain.
Grazie a paganspath.com possiamo risalire alla sua nascita.

La festa di Samhain, infatti, risale agli antichi celti, ed era la celebrazione della fine dell’estate. Le culture antiche irlandesi credevano che l’anno fosse diviso a metà: la metà oscura e la metà della luce. Samhain segnava la fine della metà della luce e l’inizio del nuovo anno celtico o della metà oscura. I celti credevano che l’estate si concludesse il 31 ottobre e che l’anno nuovo iniziasse il 1 ° novembre in concomitanza con l’inizio dell’inverno.

La festa pagana di Samhain era il 1 ° novembre ma la celebrazione iniziava al tramonto del 31 ottobre. Durante il giorno del 31 ottobre, le luci all’interno delle case si spegnevano e le famiglie si impegnano nelle pulizie per cancellare il vecchio e far posto al nuovo in arrivo con l’inizio dei mesi invernali. Al tramonto del 31 ottobre iniziavano le cerimonie formali di Samhain e veniva acceso un falò gigante. La gente si riuniva attorno al fuoco per bruciare le colture e gli animali in sacrificio alle divinità celtiche, questo era un modo di dare agli Dei e alle Dee il dovuto.
Questo fuoco sacro poi era una parte molto importante nella purificazione del vecchio anno ed un modo per prepararsi al prossimo anno nuovo. Durante la celebrazione i celti indossavano costumi e danzavano intorno al fuoco.
Molte di queste danze raccontavano storie riproducendo i cicli della vita e della morte o commemorano la Ruota dell’anno.
I costumi servivano in quanto i Celti credevano che le anime fossero liberate dalla terra dei morti durante la vigilia di Samhain, i costumi tradizionali quindi nascondevano i vivi dagli spiriti malvagi. La rappresentazione inoltre era il modo per onorare gli Dei e le Dee celtiche dei campi e del raccolto, ringraziandoli ed omaggiandoli per l’assistenza al villaggio ed alle famiglie. Infine era un modo per chiedere il loro favore per l’anno in arrivo e per avere il loro supporto durante i rigidi mesi invernali che si stavano avvicinando.
I celti poi credevano che questo velo sottile tra il mondo fisico ed il mondo ultraterreno rendesse possibili le comunicazioni tra i vivi e i morti, i sacerdoti druidi e gli sciamani celtici infatti tentavano di parlare con le anime dei morti.
Quando la celebrazione era finita, ogni famiglia prendevano una torcia dal falò sacro e tornavano alla propria casa. La fiamma del falò sacro doveva restare sempre accesa per aiutare a proteggere l’abitazione e la famiglia durante l’inverno. Si credeva che se una casa avesse perso il suo fuoco, la tragedia ed guai sarebbero giunti.

I Romani cominciarono a conquistare il territorio celtico. Governarono per circa 400 anni ed influenzarono molte feste celtiche tradizionali con le proprie. Due feste romane furono fuse con Samhain: Feralia, un giorno alla fine di ottobre, quando i Romani tradizionalmente commemoravano il passaggio dei morti ed il Giorno di Pomona, la Dea romana dei frutti e degli alberi. Il simbolo di Pomona era la mela e l’incorporazione di questa celebrazione in Samhain probabilmente spiega la tradizione delle mele ad Halloween.

Con l’avvento del Cristianesimo nel 800 dC, la Chiesa in Inghilterra cercò di cristianizzare le feste celtiche antiche. Papa Bonifacio IV designò il 1 ° novembre come “Festa di Tutti i Santi” per onorare i santi ed i martiri.
Egli decretò il 31 ottobre come “All Hallows Eve” che alla fine divenne Hallow’een. Duecento anni più tardi, nel 1000, la chiesa decise che il 2 novembre doveva essere il Giorno dei morti, un giorno nel quale dovevano essere onorati i morti.
La festa pagana romana fu sostituita dalla Chiesa cristiana spostando la giornata dei morti in concomitanza con la celebrazione di Samhain il 1 ° novembre.
Non c’è dubbio, tuttavia, che il festival irlandese di Samhain è sempre stato il 1 ° novembre, ed è stata una delle feste del raccolto importanti per i pagani celtici del passato e del presente.

Una volta celebrazione celtica del raccolto e del nuovo anno, Halloween è ora un po meno spirituale e decisamente molto più commerciale: no a casa infatti nei soli Stati Uniti le vendite di caramelle, costumi e decorazioni toccano quasi i 6 miliardi di dollari l’anno.
Con un tale impatto ambientale non si può certo dire che sia una festa sostenibile ma per fortuna però per festeggiare Halloween (o Samhain) non sono richieste necessariamente grandi quantità di denaro o di risorse almeno se si è disposti a pensare al futuro facendo lavorare la propria fantasia.

Trovare ciò che serve sarà facilissimo…il materiale infatti sarà proprio di fronte a voi e basterà guardarsi attorno per trovarlo!

Si parte creando da decorazioni di Halloween eco-friendly, riempiendo la propria casa con decorazioni biodegradabili magari proveniente dal nostro agricoltore locale di fiducia!
prima idea: creare piccoli stampini con delle patate per mettere piccoli teschi ovunque vogliamo!

foto http://www.redtedart.com/

seconda idea: stampare l’immagine di un volto appiattito, porre la foto in un vaso pieno d’acqua magari colorata ed aggiungere un po’ di capelli (fatti con del filo nero) ed il gioco è fatto!

foto http://webecoist.momtastic.com/

terza idea: tagliare dei rotoli di cartone (tipo quelli della carta igienica) e colorar i piccoli ritagli incollandoli tra loro …si trasformeranno in perfette ghirlande e decorazioni eco-friendly

foto http://webecoist.momtastic.com/

quarta idea creare una fantastica ghirlanda con una semplice treccia d’aglio, della rafia ed un po’ di muschio o foglie …dare così alla casa un’aspetto vampirismo sarà facilissimo!

foto http://webecoist.momtastic.com/

quinta idea riempire barattoli con acqua e aggiungere colorante quindi porre baccelli di loto, baccelli di papavero e semi vari all’interno creando così barattoli da casa stregata

foto http://www.marthastewart.com/

sesta idea creare decorando i vostri paralumi con piccoli pipistrelli ritagliati da carta e cartoncino per rendere macabro l’ambiente

foto http://www.marthastewart.com/

settima idea usa dei vecchi vasi, dipingili con colori che ricordano la zucca ed il gioco è fatto, ora riempili con dolci leccornie…per i dolce sbizzarrisci la tua fantasia in cucina con dolci fatti in casa con ingredienti naturali o preferisci il commercio equo e solidale.

foto http://www.marthastewart.com/

ottava idea: Halloween ti consente di risparmiare energia: abbassare le luci, usando candele di soia, può essere un buon metodo per fare della festa un evento sostenibile!
Accendi le candele e taglia sagome feroci di zucche, streghe e gatti…appoggiali sopra ogni lume usando fil di ferro e creerai ombre spettacolari che si proietteranno sulle pareti…

foto http://www.marthastewart.com/ 

Inoltre trucco e acconciature creale con i tuo prodotti naturali…  ed ancora, buttati sulla carta pesta e sul cucito per i costumi …questo non è solo un buon modo per risparmiare soldi ma anche per far bene alla salute ed evitare spreco di risorse divertendosi, il PVC presente in molte maschere o costumi, infatti, rilascia sostanze tossiche all’organismo, quindi attenzione!

fonti 
http://webecoist.momtastic.com/ 
http://it.wikipedia.org/ 
http://www.paganspath.com/ 
http://www.marthastewart.com/ 

Questo articolo lo puoi trovare anche su greenme

Se vuoi leggere tutti i miei articoli pubblicati su greenme vai QUI. 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Print Friendly, PDF & Email

2 Responses to Ognissanti, Samhain ed Halloween, qualunque cosa festeggiate fate che sia green!

  1. MMMM …. i barattoli con le facce sono spaventosi!

  2. quante belle idee…adoro le lanternine e trovo geniali quelli con le facce…potrei stupire incalliti adolescenti 😉

Rispondi