Home » Autoproduzione, collaborazioni, DIY, Tutorial Orto » Patate…dalla segatura!

Patate…dalla segatura!


Leggi il mio articolo pubblicato su greenme

Tempo di crisi, di tagli alle spese ma anche di orti e allora perché non crescere da noi delle belle patate tutto l’anno…in un bidone con terriccio o segatura?
Qual’è il vantaggio? semplice, massimizzerà il numero di patate che riuscirete ad ottenere, saranno facilissime da gestire oltre al fatto che non vi occuperanno molto spazio.
Altri vantaggi sono che sarà ancora più facile controllare l’attacco di funghi e parassiti che le attaccheranno e non in ultimo il fatto che non sarà necessaria alcuna sarchiatura, dovrete solo aggiungere di tanto in tanto della terra senza fare alcuna fatica in più!

Recuperate il vostro contenitore di circa una cinquantina di litri, foratelo sul fondo in modo da creare un drenaggio perfetto e procedete a riempirlo per 1/4 di buon terriccio e compost vegetale.
Quel che vi resta da fare è farvi regalare da amici contadini (o rivolgetevi al consorzio agrario più vicino) delle patate da seme, ma potete anche acquistarle in comuni vivai (non utilizzate le patate che comunemente acquistate al supermercato perché sono generalmente trattate con sostanze che impediscono loro di germogliare ed anche se vedete dei germogli probabilmente non si svilupperanno correttamente). Quindi una volta trovate le vostre patate, tagliatele a metà per la larghezza e ponetele nella terra con le gemme verso l’alto (se non hanno ancora gemme ponetele alla luce per 3-4 giorni e le vedrete spuntare velocemente).
Tenete ben umido il terreno ma evitate qualunque tipo di ristagno.
Come dicevo, quindi, ora non dovete fare altro che a mano a mano che la pianta cresce, aggiungere pian pianino del terriccio in modo da tener coperte le radici (ossia le patate stesse).
Dopo circa 3 mesi o non appena le piante smettono di crescere e le foglie da verde virano a giallo, potete iniziare a raccogliere le vostre fantastiche patate.

Un’alternativa alla coltura delle patate in terra è quella in segatura, esattamente nello stesso modo di cui sopra, tranne che per una piccola differenza: ponete sì sul fondo del terriccio (una decina di centimetri) ma subito dopo della segatura e continuate così aggiungendo segatura durante tutta la crescita della pianta.
Qui la facilità raddoppia in quanto per raccogliere i vostri frutti sarà sufficiente rivoltare il vostro bidone ottenendo tutte le patate in esso cresciute in un lampo e non dimenticate di conservare qualcuna delle vostre patate così da poterle ripiantare il prossimo anno!

fonti
http://www.ehow.com
http://greenupgrader.com

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Print Friendly, PDF & Email

Rispondi