Home » Help animals, Informazione, Iniziative Veg » Sei ancora nel paese di Alice?

Sei ancora nel paese di Alice?

Se pensi che il latte sia così e che ti faccia bene…
…se pensi che le mucche del quale bevi il latte stiano in posti così…
…e che il produttore del latte che tu bevi le munga così…

Beh forse è il caso che ti svegli !!!
Non stare nel paese di …

…ALICE…
La realtà è questa


e questa
La realtà è…
che
negli animali si concentrano i pesticidi usati per la coltivazione dei vegetali che formano il loro mangime: si è stimato che negli USA l’80% dei pesticidi e fertilizzanti viene utilizzato per la coltivazione dei vegetali (cereali, semi oleosi e proteaginose) destinati all’alimentazione degli animali d’allevamento.
Se l’uomo consumasse direttamente gli stessi vegetali, coltivati nello stesso modo, ne mangerebbe molti meno: per incamerare la stessa quantità di proteine, da alimenti vegetali e dalla carne degli animali che consumano cibi vegetali, il rapporto è di circa 1 a 16 (nel caso di carne bovina).
Infatti, per un grammo di proteine che l’animale “produce”, esso deve mangiare 16 grammi di proteine vegetali (perché ovviamente, la maggior parte delle sostanze nutritive viene usata nei processi metabolici dell’animale).
Questo implica che i pesticidi e i fertilizzanti si ritrovino “concentrati” nella carne degli animali, e quindi chi si ciba di carne è costretto a ingerirne molti di più rispetto a quanto accadrebbe se consumasse direttamente i vegetali.
Quando i mangimi contengono panelli di olii esausti, o sostanze ancora più tossiche, il rischio è maggiore, come è accaduto, ad esempio, nella vicenda dei polli alla diossina, in cui questa sostanza era contenuta nei mangimi degli animali.
Inoltre, negli allevamenti intensivi gli animali vengono imbottiti di farmaci, per cercare di scongiurare le malattie causate dallo stress da sovraffollamento e dalla debolezza congenita di questi animali, frutto di manipolazioni genetiche che danno luogo ad animali “iperproduttivi”, ma che si ammalano molto facilmente.
Ad esempio, negli allevamenti di maiali, quando gli animali sono mantenuti sul grigliato, l’aria dei capannoni è caratterizzata da un eccesso di ammoniaca ed altri gas, che rappresenta un fattore irritante per le mucose delle vie respiratorie, che determina uno stato di continua irritazione e a volte porta a forme polmonari o bronchiali più gravi, per cui la somministrazione di farmaci deve essere continua.
In Europa vengono consumate 5000 tonnellate di antibiotici LEGALI, di cui 1500 per favorire la crescita artificiale di polli, suini, tacchini e vitelli. A queste vanno aggiunte tutte le sostanza illegali largamente impiegate, che molto difficilmente vengono scoperte nei controlli veterinari (che sono comunque pochissimi, viene controllato un animale ogni 7000), perché sono sempre diverse e se non si conosce a priori la sostanza cercata non si possono eseguire test per scoprirne la presenza.
L’abuso di antibiotici è pericoloso perché è all’origine del fenomeno della resistenza dei batteri a un numero sempre maggiore di antibiotici, cosa che preoccupa molto gli scienziati di tutto il mondo. Viene infatti in questo modo favorito lo sviluppo di batteri, che, “allenati” da questa continua esposizione agli antibiotici, si adattano, diventando resistenti a questi farmaci, che su di essi non hanno più effetto.
L’altro pericolo legato all’ingestione di farmaci dalle carni degli animali è quello di cancerogenicità: in Gran Bretagna un pollo su cinque e un uovo su dieci contengono tracce di farmaci che possono far aumentare nell’uomo il rischio di cancro.
La sindrome di “mucca pazza” ha scatenato nei consumatori la corsa ad altri tipi di carne, nella speranza di una maggior “sicurezza”, mentre invece si verifica il contrario: se contrarre il morbo di “mucca pazza” è comunque ad oggi piuttosto improbabile, subire dei danni alla salute per il consumo di carni ancora più “a rischio”, come quelle di vitelli, maiali, pollame conigli e pesci, è praticamente certo, dato che per questi animali le condizioni di allevamento sono ancora peggiori e i farmaci usati, di conseguenza, sono molti di più.
Gli estrogeni sempre presenti in ogni tipo di carne provocano anche diverse disfunzioni a livello ormonale negli esseri umani. Ad esempio, nel Centro di ginecologia dell’infanzia e dell’adolescenza dell’Università di Torino è stato verificato un aumento dei casi di telarca (sviluppo delle ghiandole mammarie prima della pubertà) nelle bambine, e come terapia è stata consigliata l’esclusione dalla dieta di ogni genere di carne.
E’ del luglio 2002 la notizia che gli allevatori olandesi hanno voluto distruggere 50 mila maiali perché i test per controllare se i mangimi sono stati contaminati da un ormone vietato sarebbero costati troppo. Molti allevamenti olandesi hanno ricevuto partite di carne contaminata con medrossi-progesterone-acetato (Mpa), un ormone che mette a rischio la fertilità dell’uomo e che in Europa viene usato solo a scopi terapeutici.
Questa volta le sostanze illegali sono state scoperte (e chi ne fa le spese sono sempre gli animali), quante altre volte invece non si scoprono (e ne fanno quindi le spese gli animali, e i consumatori)?
INOLTRE
molte persone sono estremamente preoccupate dalle possibili infezioni da animali a uomo, e sostengono che “gli animali portano malattie”, sempre riferendosi ad animali vivi, che danno loro fastidio, come i piccioni, o anche cani e gatti.
Questa credenza è del tutto infondata, è solo un preconcetto, perché è praticamente impossibile contrarre malattie dal contatto con questi animali, quando si rispettano le normali norme igieniche.
Sono molto rare (e mai gravi, tranne nel caso della rabbia, ormai praticamente assente in Italia) le malattie che si possono trasmettere da animali vivi a uomini, è molto più probabile contrarre le stesse infezioni per altre vie (da oggetti, o, più facilmente, da altri esseri umani).
Le stesse persone non si preoccupano invece di una forma di contagio molto più pericolosa e probabile, quella che può aver luogo cibandosi di animali. In questo caso non è più vero, secondo loro, che “gli animali portano malattie”: toccarli, o vivere nel loro stesso ambiente, è pericoloso, mangiarli no!
In realtà, la quasi totalità delle infezioni che si contraggono dagli animali sono proprio quelle derivanti dal consumo di cibi di origine animale. Si va dalla comune salmonella, che nella stragrande maggioranza dei casi si contrae in seguito al consumo di uova infette, a malattie molto più pericolose, anche ad esito letale, come il morbo di Creutzfeld-Jacob, con ogni probabilità la variante umana della BSE, l’encefalopatia spongiforme bovina, comunemente detta “morbo della mucca pazza”.
In quest’ultimo caso, un’infezione che colpisce gli animali salta la barriera di specie e colpisce anche gli esseri umani.
Un altro esempio di questo genere è costituito dall’influenza aviaria, che periodicamente colpisce polli e tacchini negli allevamenti intensivi.
Questi vengono abbattuti in massa, per non rischiare un contagio all’uomo a causa di una possibile mutazione del virus in grado di saltare la barriera di specie e colpire anche gli esseri umani. Infatti questa malattia è molto vicina al ceppo virale H5NI che qualche anno fa a Hong Kong uccise alcune persone.
Anche la tubercolosi bovina è trasmissibile all’uomo (anche se nell’uomo assume una forma molto blanda), e da tempo si sospetta che il virus della leucemia bovina, il Blv, che infetta il 20% delle vacche negli USA, possa avere dei legami con alcune forme di leucemia umana.
Le ispezioni compiute nell’ambito dei controlli sulla BSE hanno portato alla luce un fiorente mercato clandestino: animali importati illegalmente da paesi in cui i controlli veterinari sono meno stringenti, bovini macellati senza autorizzazione, allevamenti di animali per carni “alternative” che usano mangimi proibiti, anche contenenti diossina.
Sul numero di maggio 2007 della rivista scientifica Am J Epidemiol. e’ stato pubblicato un interessante studio che collega il consumo di latticini all’insorgenza della Malattia di Parkinson.
Gli autori hanno condotto uno studio prospettico sull’associazione tra il consumo di latticini e il rischio di Malattia di Parkinson tra 57.689 uomini e 73.175 donne dello studio sulla prevenzione del cancro della Società Americana del Cancro.
250 uomini e 138 donne nel corso del follow-up (dal 1992 al 2001) hanno sviluppato la Malattia di Parkinson.
Il consumo di latticini è risultato associato positivamente con il rischio di Malattia di Parkinson, vale a dire, maggiore è il consumo di latticini, maggiore è il rischio di ammalarsi di questa malattia.
Per questo ampio studio dell’Università di Harvard, oltre 130 mila soggetti sono stati seguiti per 9 anni. In questo periodo è stato registrato il loro consumo di latticini; a 388 di loro, è stato diagnosticato il Malattia di Parkinson.
Lo studio aveva il fine di analizzare la possibile associazione tra il consumo di latticini e la malattia. I risultati mostrano che un maggiore consumo di latticini aumenta il rischio di Malattia di Parkinson in modo proporzionale con le quantità consumate.
Il rischio derivante da tali prodotti è risultato maggiore negli uomini che nelle donne. Nel caso peggiore, ovvero di un uomo che faccia un consumo molto elevato di latticini, il rischio di contrarre la malattia è 1,8 volte superiore rispetto a un uomo che ne faccia un consumo minimo.
Questo studio conferma i risultati di altre ricerche sull’argomento che sono giunti a conclusioni analoghe; tuttavia il meccanismo fisiopatologico di questa associazione non è noto.
MA

Anche supponendo per assurdo che gli animali non possano trasmetterci alcuna infezione e non siano infarciti di farmaci, anabolizzanti e sostanze tossiche, rimane comunque il fatto che una dieta a base di alimenti di origine animale è inadatta all’organismo umano.


Il complesso degli studi nutrizionali dimostra che per prevenire e curare le più comuni e gravi patologie degenerative tipiche dei paesi industrializzati occorre cambiare dieta, limitando di molto, o escludendo del tutto, i prodotti di origine animale.
Secondo un rapporto del Surgeon General degli Stati Uniti, più di 1,5 dei 2,1 milioni di decessi riscontrati nel 1987 possono essere messi in relazione a fattori alimentari, soprattutto al consumo di grassi saturi e colesterolo.
Non a caso, l’associazione dei nutrizionisti americani (ADA) promuove un’alimentazione che esclude i prodotti animali, oggi largamente consumati, per uomini, donne, donne incinte, donne che allattano, bambini e sportivi. Negli ultimi anni il mito delle proteine animali è stato abbandonato anche dai nutrizionisti che in passato lo sostenevano.
E’ stato ampiamente dimostrato che molti vegetali possiedono il medesimo contenuto proteico delle carni e che possono soddisfare il nostro fabbisogno di aminoacidi essenziali e non essenziali: legumi, cereali integrali, verdure, semi e noci contengono tutti gli aminoacidi; non è neppure necessario combinare questi alimenti in un unico pasto, come anni fa consigliava erroneamente la teoria della complementarità delle proteine.
Le proteine di soia, inoltre, equivalgono nutrizionalmente a quelle animali e, se lo si desidera, possono costituire quasi l’unica fonte di assunzione proteica.
Le patologie cardiovascolari, neoplastiche e l’obesità sono in diretta relazione con l’eccessivo consumo di grassi, in particolare di grassi saturi, che fanno depositare il colesterolo nei vasi arteriosi, causando danni irreparabili all’organismo umano.
I prodotti di origine animale sono ricchi di questi grassi, mentre i vegetali ne sono poverissimi.
Un cospicuo numero di studi epidemiologici dimostra che un’alimentazione priva di alimenti di origine animale è la più confacente alle esigenze dell’organismo umano e numerose pubblicazioni hanno accertato come – grazie all’abbondante introduzione di vitamine, minerali, fibre, carboidrati complessi, oligoelementi, biostimoline e molte altre sostanze sinergiche – nelle persone che si alimentano in questo modo sia considerevolmente minore l’incidenza di gravi patologie quali tumori, ipertensione, arteriosclerosi, infarto, ictus, diabete, obesità, osteoporosi, calcoli e altre patologie che costituiscono le principali cause di malattia e mortalità nei paesi industrializzati.

INOLTRE

le mucche “da latte” sono selezionate geneticamente ed inseminate artificialmente per produrre quanto più latte possibile.
Dall’età di circa due anni, trascorrono in gravidanza nove mesi ogni anno.
Poco dopo la nascita, i vitelli sono strappati alle madri (provocando in entrambi un trauma), perché non ne bevano il latte, e rinchiusi in minuscoli box larghi poche decine di cm, in cui non hanno nemmeno lo spazio per coricarsi, e quindi neanche la possibilità di dormire profondamente.
Sono alimentati con una dieta inadeguata apposta per renderli anemici e far sì che la loro carne sia bianca e tenera (come piace ai consumatori) e infine sono mandati al macello.
La mucca verrà quindi munta per mesi, durante i quali sarà costretta a produrre una quantità di latte pari a 10 volte l’ammontare di quello che sarebbe stato necessario, in natura, per nutrire il vitello.
Non sorprende che ogni anno un terzo delle mucche sfruttate nei caseifici soffra di mastite (una dolorosa infiammazione delle mammelle).
Per aumentare la produzione di latte, la mucca è alimentata con proteine molto concentrate, ma neppure queste spesso sono sufficienti, tanto da provocare lacerazione dei tessuti per soddisfare la continua richiesta di latte (in Inghilterra hanno coniato un termine per definire questa pratica: “milking off the cow’s back”, ossia mungitura del posteriore della mucca).
Ciò provoca una condizione chiamata acidosi, che può rendere zoppo l’animale e ciò ogni anno al 25% delle mucche sfruttate nei caseifici.
A circa cinque o sei anni d’età, ormai esausta e sfruttata al massimo, la mucca verrà macellata.
La durata della sua vita, in natura, sarebbe stata di circa 20 anni.

fonte http://www.saicosamangi.info/
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Print Friendly, PDF & Email

Rispondi