Home » Help animals, Informazione, Scienza » Storie di animali usati, rinchiusi e maltrattati

Storie di animali usati, rinchiusi e maltrattati



Oggi,guardando il telegiornale mi sono accorta che soprattutto negli ultimi tempi i media stanno dando spazio a notizie tipo “fuga dallo zoo…poveri visitatori nel panico…terrore…” oppure “…cane aggredisce bambina indifesa…terrore…”
…insomma, quando qualche povero animale reagisce come “non dovrebbe” a soprusi o anche solo in seguito a comportamenti imprintati nel modo errato oppure quando ha ancora le forze e la voglia di tentare di fuggire da quello che altro non è che un carcere, e cioè lo zoo, l’unica cosa che i mass-media riescono a fare è, ironizzare o terrorizzare- e tendo a sottolineare questi termini- sulla situazione senza non prendere minimamente in considerazione il fatto che questi poveri animali sono ridotti in gabbia per puro sfizio dell’uomo che non li considera come esseri viventi capaci di provare emozioni, dolore, paura, ma solo come oggetti da mettere in mostra per poterci ricavare un guadagno…ma in più oltre il danno la beffa, sono anche “usati” come protagonisti da giornalisti che non sanno una beneamata “H” nè di etologia, nemmeno quella spicciola, nè tantomeno di etica (e per saper quella non bisogna studiarla!) e che arrivano ad affermare cose tipo…”lo scimmione è stato catturato al bar…come in una pubblicità di un aperitivo…”…o…”…il cane è impazzito e l’ha aggredita inspiegabilmente…”…
…mentre invece se questi sedicenti bravi giornalisti si prendessero la briga anche solo di contattare un comportamentista o anche più semplicemente un addestratore qualunque, la prima cosa che verrebbe detto loro è che gli animali, tutti gli animali, non reagiscono in modo violento perchè di tanto in tanto impazziscono bensì se reagiscono violentemente lo fanno in seguito a qualcosa considerato da loro come un pericolo, solo l’uomo fà la guerra preventiva, gli animali che fortunatamente hanno ancora quella splendida cosa chiamata “istinto”,che il così tanto superiore homo sapiens ha “sostituito con il raziocinio” attuano comportamenti violenti che potrebbero ledere anche loro stessi solo in casi estremamente necessari, un esempio per tutti è infatti rappresentato dalle lotte per l’accoppiamento tra i maschi di un branco…nella maggior parte dei casi le cosidette lotte sono costituite da semplici atteggiamenti posturali o fisici oppure vengono messi in mostra i caratteri sessuali secondari senza arrivare allo scontro vero e proprio perchè anche gli animali, considerati inferiori dall’uomo, capiscono che se non è proprio necessario è meglio evitare lo scontro fisico…meglio far vedere di essere potenzialmente pericolosi che mettere in pratica la lotta…e se questo atteggiamento l’hanno in situazioni come l’accoppiamento (in pratica il fine ultimo di ogni vivente), immaginiamoci in cas meno “importanti”…
… la cosa che mi terrorizza di più è che se si pensa che la tv è vista anche dai bambini, nella maggior parte dei casi senza adulti, e c’è da dire che molto spesso, purtroppo, è meglio così dato che a volte gli adulti non mostrano il minimo interesse nel capire il perchè delle cose e quindi nel cercare di andare oltre le apparenze, come ci si può aspettare che i bambini di oggi, che saranno gli adulti del futuro, abbiano una sensibilità anche solo minima nei riguardi degli altri esseri viventi e quindi non escluso l’uomo…o forse è quello che si vuole ottenere…?…

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Print Friendly, PDF & Email

2 Responses to Storie di animali usati, rinchiusi e maltrattati

  1. Belle considerazioni, come non darti ragione. E blog molto interessante, complimenti!

  2. Grazie, ma purtroppo ci sono ancora troppe persone a non pensarla così o peggio a credere che queste siano cose di poco conto…chissà se la sensibilizzazione batterà la circuizione fatta quotidianamente da chi ha soldi, potere ed interessi che definirei non propriamente etici…
    comunque grazie per il commento e per i complimenti…ricambio per il tuo “cucchiaio di legno”…(e ora leggerò anche Gogaku…di cui ignoravo l’esistenza : ( … )…torna a trovarmi : )

Rispondi