Articoli taggati con dolci vegan

4 ricette per fare le creme spalmabili vegan in casa

Tweet Ci sono dei momenti nella vita di ogni donna in cui non desidera altro che una cosa sola: la crema spalmabile al cioccolato, da divorare a cucchiaiate e senza alcun limite, se non quello dato dall’inevitabile vista del fondo del vasetto vuoto. Ebbene, se anche voi state cercando un’alternativa completamente homemade, vegetale, sana ma comunque goduriosa, che nulla abbia da invidiare a quelle pronte, ecco qui quattro tra le mie ricette preferite di creme spalmabili vegan. Negli anni, infatti, queste […] read more…

Cheesecake Vegan: 3 ricette facili da preparare e buone da mangiare

Tweet   Chi ha detto che i vegani non si concedono peccati di gola? Un esempio perfetto è quello delle tante versioni completamente vegetali di cheesecake. Ve ne propongo tre: una perfetta per gli amanti del tofu, la seconda per chi non rinuncia alla dolcezza ma predilige il riso su tutto e la terza, invece, decisamente inaspettata ed anticonformista. Doverosa una piccola premessa: chiunque si cimenti nella realizzazione di una cheesecake vegan o no, deve sapere che la ricetta si divide […] read more…

Vegamisù: il tiramisù più semplice che c’è in chiave vegan

Tweet L’unica maniera per convincere un onnivoro ad avvicinarsi, senza troppo timore, all’alimento più discusso di sempre, il tofu, è quello di tenere il soggetto più distante possibile dai ristoranti asiatici e proporre invece il malefico mattoncino bianco nella chiave più golosa che ci sia. Ho immaginato la mia versione perfetta, quella cioè che fosse in grado di unire la passione -per nulla tutta italiana- per il tiramisù, al mio personale amore per il tofu ed ecco il vegamisù: un […] read more…

Marmellata di fagioli Azuki

Tweet Qualche giorno fa ho sperimentato una marmellata un po’ diversa, per una volta niente frutta e nemmeno cipolle o barbabietole bensì fagioli. Ebbene sì, in Giappone questo tipo di marmellata è antica e molto apprezzata, qui da noi invece se ne parli i tuoi interlocutori sbarrano gli occhi come se stessi raccontando loro qualcosa di fastasmagorico. Ebbene, la ricetta è facilissima, la reperibilità degli ingredienti la rende una delle marmellate più comode da realizzare, il suo contenuto di proteine […] read more…

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

azuki_eeev_kiaQualche giorno fa ho sperimentato una marmellata un po’ diversa, per una volta niente frutta e nemmeno cipolle o barbabietole bensì fagioli.

Ebbene sì, in Giappone questo tipo di marmellata è antica e molto apprezzata, qui da noi invece se ne parli i tuoi interlocutori sbarrano gli occhi come se stessi raccontando loro qualcosa di fastasmagorico.

Ebbene, la ricetta è facilissima, la reperibilità degli ingredienti la rende una delle marmellate più comode da realizzare, il suo contenuto di proteine la trasformano in un alimento in grado di togliere i sensi di colpa mentre la assaporiamo nella nostra crostrata preferita …quindi perchè mai non provarla?

gli ingredienti sono solo tre:
fagioli azuki rossi 250g
zucchero mascobado 150g
un pizzico di sale integrale marino

Procedimento:

Porre a bagno i fagioli secchi una notte in abbondante acqua. Il giorno successivo procedere alla cottura (io utilizzo il metodo ad immersione in pentola a pressione che riduce i tempi ed il consumo).
Una volta cotti basterà scolarli, sciacquarli e schiacciarli grossolanamente con una forchetta.
Quindi andranno posti in una pentola dai bordi medi con mezzo bicchiere di acqua, lo zucchero ed il pizzico di sale. Una volta sciolto lo zucchero, con un minipimer basterà frullare il tutto e riporre di nuovo sul fuoco facendo cuocere sino a consistenza desiderata ed in circa una quindicina di minuti sarà pronta.

Non bisogna mai smettere di girarla altrimenti si attaccherà!
Et voilà …marmellata di azuki fatta! 🙂
Se volete porla in vasetti per poterla conservare (o regalare) procedere come sempre: versatela bollente nei vasetti puliti e sterilizzati e chiudeteli. Quindi la solita sterilizzazione a bagnomaria: mettete i vasetti in una pentola sul cui fondo avrete posto uno strofinaccio quindi ricopriteli di acqua e portate a bollore. Lasciate bollire per 30 minuti quindi spegnete e lasciare raffreddare prima di toglierli dalla pentola.
All’apertura del vasetto per consumare la marmellata sentirete il “click” che indicherà che il sottovuoto è stato fatto e che tutto è andato bene.

Bon appétit!