Boicottaggio, Ecosostenibilità, Help animals, Informazione

Le baleniere si arrendono a Sea Shepherd


Le baleniere giapponesi che, come ogni anno in questo periodo, si trovano nell’Oceano Antartico hanno sospeso la caccia e stanno valutando il ritorno nei porti e l’abbandondono della caccia per quest’anno.
Questa decisione deriva dall’azione di disturbo effettuata dalle navi dell’organizzazione Sea Shepherd che per mesi hanno inseguito, per migliaia di miglia, e disturbato le operazioni di caccia effettuate dalle baleniere riducendo sensibilmente le balene catturate.
La flotta delle baleniere nel 2010 ha lasciato i porti giapponesi con l’obiettivo di catturare 850 balene, riuscendo a portarne a casa soltanto 506. Quest’anno le difficoltà delle baleniere sono state maggiori e il bottino ancora più magro.

L’abbandono della caccia da parte delle baleniere giapponesi sarebbe un risultato storico e la vittoria di una strategia, quella del disturbo in mare di Sea Shepherd, rispetto a quella diplomatica e salottiera di Greenpeace che dal 2006 non manda imbarcazioni nell’Oceano Antartico per effettuare azioni di disturbo.
A sostenere Sea Shepherd e la sopravvivenza delle balene ci sono Anche Australia e Nuova Zelanda. L’Australia, in particolare, ha denunciato il Giappone al tribunale internazionale dell’Aia per fermare la caccia alle balene.
Grazie Sea Shepherd!!


fonte
magozine.it

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Print Friendly, PDF & Email

5 thoughts on “Le baleniere si arrendono a Sea Shepherd

  1. I am so happy they finally stopped the whaling! I love your blog as well. Very different from what I normally read. I am looking forward to learning things from your wonderful blog : ]

dimmi cosa ne pensi, lascia un tuo commento!