Alimentazione

L’orto dei germogli: manuale di coltivazione e consumo

Voglio parlarvi di un libro utilissimo per chi come me ama l’autoproduzione e ama o vuole provare i germogli.

Il libro è “L’orto dei germogli. Manuale di coltivazione e consumo” Edizioni FAG, 2010…

“La coltivazione dei germogli è alla portata di tutti, richiedendo uno spazio ridotto e cure minime. In soli 40 cm infatti è possibile coltivare innumerevoli quantità di germogli, a casa propria, limitandosi a poche annaffiature e ottenendo un alimento che viene considerato tra i più nutrienti e ricchi di vitamine e sali minerali.In 4 giorni di media è già pronta la prima coltivazione di germogli e il loro consumo può diventare in breve una sana abitudine alimentare, un risparmio sulla spesa grazie all’autoproduzione e un tocco molto originale per piatti e bevande…”

L’autrice è Grazia Cacciola, o per gli amici Erbaviola.
Ha già scritto altri manuali tra cui

  • Orto sul balcone. Coltivare naturale in spazi ristretti
  • Crea le tue candele naturali
  • Scappo dalla città. Manuale di downshifting, decrescita, autoproduzione

Trovo che “L’orto dei germogli. Manuale di coltivazione e consumo” sia un manuale molto versatile, di facile consultazione e soprattutto ricchissimo di informazioni utili sull’intero argomento “germogliazione”.

Fa un rapido excursus sui germogli nella storia di alcuni popoli, quindi passa a descrivere con semplicità quello che accade ad un seme durante la germogliazione e quel che serve per far sì che la germogliazione avvenga, descrive poi i vari tipi di germogliatori presenti sul mercato e ancora schede informative su molti i semi che si possono far germogliare.

In fondo al manuale poi sono presenti sia la descrizione dei metodi di cottura che delle ricette su come cucinare i germogli

Trovo quindi che sia adatto sia per chi è già esperto sia per chi è alle prime armi.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Print Friendly, PDF & Email

3 thoughts on “L’orto dei germogli: manuale di coltivazione e consumo

dimmi cosa ne pensi, lascia un tuo commento!