Ecocosmesi

Colora i capelli a casa in modo naturale con l’hennè e le polveri vegetali

Il mio primo incontro con l’hennè, avvenne quando avevo 15 anni, feci infatti a quell’età, la conoscenza di quello che poi sarebbe diventato uno dei miei principali alleati, in fatto di cure di bellezza.
La mia prima esperienza, fu alquanto burrascosa, pasticciai e imbrattai tutto il bagno di schizzi di terriccio verdognolo, che nel giro di dieci minuti diventarono rossastri.
Mia mamma, maledì l’erborista che me lo aveva venduto ed il risultato fu davvero poco allettante. Dimenticai così la sua esistenza per lungo tempo.
A primo anno di università, un’amica, mi invitò ad aiutarla con una “polvere vegetale” per colorare i capelli: la preparai io e questa volta, l’esperienza oltre che più divertente, fu anche molto gratificante. Entrambe, dopo l’esperimento, da castane sfoggiavamo forti riflessi ramati che alla luce del sole, risaltavano ancor di più.
Da quel giorno, tra me e lui, fu amore tanto che inizia ad utilizzare l’henné regolarmente oltre che a farlo ad amiche e famigliari che desideravano cimentarsi nell’impresa.

Polveri vegetali per colorare i capelli a casa: non solo hennè

Dopo qualche tempo, scoprì che l’henné, non era l’unico che poteva rendermi felice in fatto di cure naturali per capelli, bensì anche:

  • l’indigo
  • il mallo
  • la cassia
  • la Rubia tinctorum (la radice di Robbia)
  • il rabbarbaro

potevano rendere i miei capelli meravigliosamente screziati di sfumature naturali e così, la mia esperienza di natural-parrucchiera armata di polveri vegetali, iniziò!

Cosa devi sapere prima di colorare i capelli con l’hennè

Photo credit Carmela Kia Giambrone

Quel che non bisogna mai dimenticare, non appena ci si decide ad utilizzare come coloranti per capelli, le polveri vegetali è che non si potranno mai avere i risultati come quelli che danno le tinture per capelli: sono consapevole che è brutto sentirselo dire, ma detesto dare false speranze.

Se credete che si possa diventare bionde da more o rosse fuoco da castane dimenticatevelo. Le polveri di cui vi parlerò tra poco, permettono di dare meravigliose sfumature, rivelare corposità cromatiche mai viste, addirittura coprire i capelli bianchi ma non e dico non, saltare di 3 o 4 toni il proprio colore naturale.

Inoltre, se avete fatto da poco una tinta, attendete almeno 6 mesi prima di cimentarvi con henné ed amici.

Che cosa è l’hennè e come distinguerlo da ciò che non lo è

Photo credit Carmela Kia Giambrone

…continua a leggere l’articolo su Patreon, become a Patron!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Print Friendly, PDF & Email

6 thoughts on “Colora i capelli a casa in modo naturale con l’hennè e le polveri vegetali

  1. Ciao Kia, un paio di mesi fa ho usato una tinta di quelle che durano circa 6 settimane. Quando consigli di aspettare 6 mesi dall’ultima tinta ti riferisci anche a quel tipo tinte?
    Grazie mille

  2. Ciao Kia, eccomi quasi pronta per cominciare la colorazione. Vorrei usare l’indigo per colorare e coprire i bianchi e mi pare di aver capito che per farlo al meglio si debba prima colorare con hennè. Per colorazione in due fasi cosa si intende esattamente? Ho guardato sul sito capellidifata e sul sito delle colorazioni di saicosatispalmi ma non ho trovato una risposta. Devo tenere l’hennè 3 h circa, poi sciacquare e tenere l’indigo altre 3 h circa oppure si puo’ fare in giorni separati? Devo usare l’hennè rosso puro o pensi che anche il neutro vada bene?
    Grazie e complimenti per il blog, è utilissimo.

  3. sui miei capelli scuri e bianchi dopo l’henne rosso il nero non ha colorato nulla forse perché lo usato solo con acqua calda?

dimmi cosa ne pensi, lascia un tuo commento!