Tutorial ecocosmesi

Tintura madre: cos’è, come si prepara e a cosa serve

photo credits Carmela Giambrone

La tintura madre è alla base di moltissimi rimedi e può essere preparata a partire da molte specie vegetali diverse a seconda, naturalmente, delle proprietà che si vogliono ottenere dalle piante usate. In commercio, vengono vendute già pronte tinture madri di diverso tipo ma armandosi di un po’ di sana pazienza e conoscendone le proprietà e le avvertenze, è possibile realizzare quelle più utili in casa, con le proprie mani. Ecco, ricetta e consigli utili, per creare una delle tintute madri più utili in assoluto (almeno per me!): la tintura madre di artiglio del diavolo.

Come realizzare una tintura madre con le proprie mani: il metodo base

photo credits cdstar.shh.mpg.de

La tintura madre è un rimedio naturale conosciuto fin dall’alba dei tempi e proprio come gli oleoliti o macerati oleosi, il gel che sfrutta i frutti dell’ippocastano e che combatte le vene blu o il macerato idroglicerico fatto in casa, di cui avevamo già parlato molto tempo fa, anche le tinture madri, nascono dal tempo e dalla cura e dall’attenzione che chi le prepara dedica loro durante la creazione. La materia vegetale, raccolta durante il periodo balsamico, che è proprio di ciascuna specie vegetale e che corrisponde al picco di concentrazione dei principi attivi della specie stessa, viene posta in macerazione in alcool a concentrazione stabilita e per un tempo altrettanto fisso, fino a che non si avranno estratti tutti i principi attivi utili.

Continua a leggere l’articolo su Patreon, become a Patron!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Print Friendly, PDF & Email

dimmi cosa ne pensi, lascia un tuo commento!