Candele vegan, biodegradabili, vegetali ed atossiche fatte a mano

Cosa c’è in una candela che non è vegan-friendly?

Da sempre sono una forte sostenitrice dell’uso delle candele, un po’ per il loro potere di rendere un luogo ed un momento intimo, caldo, poetico un po’ per l’amore che nutro per la luce calda.

Sono perà sempre stata completamente inconsapevole del fatto che, avendo fatto la scelta di non utilizzare cera d’api perchè vegan ed utilizzando candele a base sintetica quindi a base di petrolio, ciò che stavo facendo non era esattamente saggio.

Insomma le candele a base di paraffina fanno male all’ambiente, agli animali e a noi.

Così cerca e ricerca, armata di santa pazienza, ho scoperto la cera di soia ed in pochissimo tempo me ne sono innamorata. Ho quindi iniziato a sperimentare. Insomma, adesso, al posto di un lampada non appena posso, uso le mie candele vegetali, handmade e naturali. Visto il loro successo tra amici e parenti ho deciso allora di inserirle nella mia piccola bottega di oggetti fatti a mano che di tanto tanto aggiorno.

Ma cosa hanno di speciale le candele fatte a mano vegetali?

Innanzitutto le preparo con le mie manine perchè mi diverto tantissimo, solo con cera vegetale al 100%, di soia NON OGM, atossica, biodegradabile e completamente naturale. E poi, se questo non fosse sufficiente, uso oli essenziali, spezie, erbe e fiori, polveri minerali per arricchirle e renderle uniche.
In ultimo, non meno importante, lo stoppino: ho deciso di prepare anche questo da me, completamente a mano così da non usare il classico stoppino precerato. Come lo creo? uso del filo di puro cotone e cera di soia e piano piano, con un po’ di manualità ed esperienza, ne realizzo quanti me ne servono. Così facendo sono certa che tutto della candela sia olifree e quindi completamente naturale.
Ecco perchè amo realizzare e donare candele: sono preparare con il cuore, sono vegan, cruelty-free ed ecologiche.

Una valida alternativa poi, sempre in virtù del riciclo, è stata quella di realizzare anche delle candele con un bel contenitore in vetro: uso piccoli vasetti in vetro degli omogenizzati, delle marmellate, delle creme,  insomma vasetti piccoli ad hoc che amici e amiche conservano e mi regalano.

Per regalarsi e regalare dei momenti di piacere o addirittura come piccoli pensieri di nozze al posto delle classiche bomboniere o come piccoli segnaposto naturali credo siano perfetti, in realtà poi ne ho la casa costellata e mai ci rinuncerei.

Un esempio? le candele soia e menta piperita, realizzate a mano con pura cera di soia non ogm, olio essenziale di menta biologico e ossido di ferro verde. Ogni candela soia&menta dona una sferzata di energia anche alla giornata più grigia!

Oppure la candela vegan ai 2 burri e violetta. Due burri perchè oltre alla cera di soia contiene anche burro di karitè e burro di cacao. Grazie ai due burri questa candela io la uso anche così: l’accendo ed una volta che ha iniziato a sciogliersi ne verso delicatamente nel palmo della mano un poco e procedo utlizzandola come un burro da massaggio per il corpo, senza alcuna preoccupazione dato che non mi scotterò perché il suo basso punto di fusione, grazie proprio alla sua composizione in burri e cere naturali, mi permette di utilizzarla in piena sicurezza. Devo solo stare attenta alla dipendenza da violetta! 🙂 Oppure un’altra candela che adoro è quella ai 2 burri soia e vaniglia dove al posto della violetta aggiungo estratto di vaniglia e polvere di curcuma.

Una volta provate non le lascerete più ed addio paraffina!

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi