Home » Autoproduzione, Ricette Vegan, Tutorial panificazione » Prove in cucina: #1. il panettone vegan autoprodotto

Prove in cucina: #1. il panettone vegan autoprodotto

 

panettone – immagine tratta da emikodavies.com

Se anche voi siete stanchi di spendere dai 10 ai 12 euro per un minuscolo panettone vegan duro come il marmo ed insapore allora probabilmente  è bene iniziare fin da ora a sperimentare…

il mio primo esperimento non fu dei migliori, anzi fu catastrofico…panettone bellissimo a vedersi ma un mattone pazzesco…stopposo e che invitava alla dieta

ferrea!

Quindi iniziai a modificare le tante ricette trovate …e prova e riprova quest’anno la ricetta che seguirò sarà questa:

Ingredienti…cioè la vostra lista della spesa!

Per l’impasto serve:
150 gr di farina integrale di grano tenero bio e 100 gr di farina di manitoba bio
50 gr di fecola di patate bio
100 gr di malto di riso bio
50 gr pasta madre autoprodotta

 

100 gr di burro di soia bio

bucce d’arancia e limone grattugiate autoprodotte
1 pizzico di sale integrale marino
1 bicchiere di latte vegetale autoprodotto (io lo faccio con 50gr di soia, 25 gr di farro e 25 gr di orzo…viene meravigliosamente dolce e senza quel retrogusto di fagiolo tipico della soia! ah, ricetta della mia dolce metà!)
uva sultanina bio ammollata una ventina di minuti in acqua tiepida

per la glassa invece servono:
mandorle bio tritate
zucchero a velo bio 2 buste da 100gr 
ed il succo di 1 limone bio

cosa fare? semplice!

basterà mescolare le farine, la fecola, un pizzico di sale e la pasta madre quindi aggiungete il malto, il burro di soia ammorbidito, il latte vegetale, la buccia degli agrumi finemente grattugiata e le uvette in un’unica bella pagnottella.

panettone vegan

Poi porre la massa così fatta in uno stampo (o se non l’avete, in una teglia alta ma non è la stessa cosa…ve lo dico subito se riuscite recuperate uno stampo!) e fate lievitare per tutta la notte in forno spento.

Il giorno dopo cuocete in forno  a 150°C per 50 minuti circa (le cose più buone sono sempre quelle più SLOW!), ed una volta raffreddatosi copritelo con la glassa (fatta con il succo di 1 limone e 200gr di zucchero a velo) e poi date una spolverata con la granella di mandorla proprio sopra, la glassa formerà una sorta di colla che la terrà ben attaccata (ah e resistete alla voglia di staccare le mandorle appena messe sulla glassa per infilarvele in bocca…non si fà!)

Mi farete sapere se la ricetta vi piacerà!

ah, qui potete trovare gli stampi per panettone! 😉 tra qualche giorno posterò le foto del mio!

 

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Print Friendly

4 Responses to Prove in cucina: #1. il panettone vegan autoprodotto

  1. Ciao Kia!
    Interessante questa ricetta e mi sembra anche semplice. Aspetto di vedere le tue prove come vanno. Io stavo pensando a fare le prove pandoro … ma se a te vien fuori bene, ti copio!!

  2. Quanta acqua usi per il latte? potresti postare la ricetta?
    grazie mille

  3. Bella ricetta sei sicura che viene? rinfresco la mia pm e mi lancio gli ingredienti ce li ho, sembra così semplice, una sola lavorazione, una sola lievitazione…non vorrei sprecare e accumulare il solito fallimento! Be’grazie e auguri!

Rispondi