Autoproduzione, Ecosostenibilità, Libri, Natura, Oggetti utili, Tutorial Orto

7 consigli per creare il perfetto orto sul balcone a misura di città

Photo credit Carmela Kia Giambrone

La mia passione per l’orticoltura e la natura più in generale, è nata da bambina, grazie alla mia famiglia, mio nonno e mio padre, entrambi appassionati di orto e coltivazione. Col tempo è cresciuta con me e in questi ultimi anni, grazie anche alla mia formazione, ha toccato per davvero il massimo interesse, soprattutto se declinata in ambito urbano ed applicata alla sostenibilità ed alla decrescita.

I passi del mio studio sono stati molti ma certamente alcuni mi hanno lasciato un segno più di altri:

-la scoperta del lavoro di Mollison e Holmgren e la loro Perma-coltura;

-la lettura di due pietre miliari dell’ecologia come “Primavera silenziosa” di Rachel Carlson e “Il cerchio da chiudere” di Barry Commoner

-la lettura di Julia Butterfly Hill e del suo “ognuno può fare la differenza”

-la lettura del libricino delle sorelle Boland “Il giardino delle vecchie signore”

ma ancora

-il lavoro di M.Fukuoka, microbiologo che nel 1937 ideò l’agricoltura sinergica

-il lavoro di Emilia Hazelip , agronoma francese, che alla fine degli anni ’70 adattò il lavoro de “La rivoluzione del filo di paglia” di Fukuoka ai climi europei, trasformando di fatto l’agricoltura sinergica in concetti e tecniche alla portata di tutti

Photo credit Carmela Kia Giambrone
Photo credit Carmela Kia Giambrone

Ho così iniziato a sperimentare tutto ciò che mi era possibile sperimentare nei piccoli spazi che avevo a disposizione: ne è nata la mia esperienza fatta di errori, prove e riprove in fatto di compostaggio domestico ed  orticoltura urbana naturale, cresciute giorno dopo giorno, passo dopo passo.

I 4 principi dell’agricoltura sinergica

I 4 principi di questo tipo di agricoltura sono molto semplici ed in simbiosi con la naturalità dell’attività di coltivazione armonica. Questo metodo di coltivazione sfrutta, di fatto, la sinergia che la natura possiede in maniera innata:

1.nessuna lavorazione del suolo

2.la terra si nutre con la la biomassa (e compost)

3.nessun trattamento di sintesi

4.nessun compattamanto

Così ho velocemente compreso che, con i dovuti accorgimenti, questa tecnica agricola poteva essere applicata anche a piccoli spazi urbani appunto, come un orto di città o un orto sul balcone.

Ecco così che ho sperimentato la preparazione dei vasi come fossero bancali: naturalmente non saranno la stessa cosa che un campo aperto ma fidatevi, daranno i loro frutti.

Photo credit Carmela Kia Giambrone

La pacciamatura poi è una pratica molto importante: ricoprire la terra con paglia o piccoli pezzi di cartone e  poi paglia, permette di tenere a bada la crescita delle spontanee ed “infestanti” (anche se non amo particolarmente questo termine) e serve anche a non far evaporare l’acqua dai vasi stessi, soprattutto in estate e tarda primavera. In inverno poi protegge le radici dal gelo.

Come costruire un orto sinergico in città

Photo credit Carmela Kia Giambrone

Avere a diposizione un piccolo spazio in città può essere tutto ciò di cui avrete realmente bisogno per realizzare il vostro orto sul balcone, un orto a misura di città.

7 consigli per creare il perfetto orto sul balcone a misura di città

Seguite questi semplici 7 consigli e create con facilità e divertendovi, il vostro perfetto orto urbano.

    1. Scegliete cosa coltivare a seconda della stagionalità e della vostra esposizione: se è a mezz’ombra moltissime delle specie elencate saranno impossibili da coltivare, pianificate quindi bene con calma ed accuratezza.
    2. Scegliete cosa coltivare a seconda dei vostri gusti: è inutile coltivare le fragole se siete allergici o se non le mangiate.

      Photo credit Carmela Kia Giambrone
    3. Optate per varietà a crescita veloce e specie piccole, vi permetteranno di avere maggiore biodiversità e soddisfazione: varietà che possono essere raccolte entro breve tempo sono in grado di regalare cibo velocemente. Alcune delle verdure a più rapida crescita sono per esempio ravanelli, lattughe, cavoli, barbabietole, fagioli, fagiolini, piselli e broccoletti.
Photo credit Carmela Kia Giambrone

4.Coltivate con fantasia sfruttando ogni spazio utile ed ogni momento utile: alcuni esempi? sperimentate le piante volanti, il tavolo orto o perchè no, la guerrilla gardening preparando da voi le vostre bombe di semi.

Photo credit Carmela Kia Giambrone

5.Armatevi di un poco di pazienza ed i risultati arriveranno 🙂

6.Preparatevi a far fronte alle avversità giocando d’anticipo (attenzione agli attacchi di fitofagi e funghi ed attenzione anche ai metalli pesanti nel vostro orto sul balcone) ma non utilizzate sostanze di sintesi.

7.Scegliete dei semi di buona qualità, attivateli ponendoli la notte prima della semina a bagno in acqua e preferite del terriccio e del compost naturale (oppure preparate anche talee e margotte con le vostre mani)

L’ABC dell’orto sul balcone

Semine e trapianti: tutto ciò che è bene sapere

Photo credit Carmela Kia Giambrone
Photo credit Carmela Kia Giambrone

Seguite la luna

Innanzitutto attivate i vostri semi e poi per le vostre semine e trapianti seguite la luna, questo sono i due consigli più importanti da seguire, almeno a mio parere.

Ecco un piccolo “specchietto” utile per le semine dell’orto di maggio.

Luna nuova (la luna nuova di maggio sarà il 15)

  • seminare a dimora zucche e zucchini

Luna crescente

seminare a dimora

  • Carote
  • Cicoria (come la Zuccherina di Trieste)
  • Lattuga da taglio (come la biscia rossa)
  • Radicchio da taglio
  • Valeriana

trapiantate

  • Peperoni
  • Melanzana (come la bianca a uovo)
  • Pomodoro (come i Ciliegia)

Luna calante (dal giorno dopo di luna piena, dall’1 al 15 ed il 30 e 31 maggio)

trapiantate

  • le lattughe

infine capitolo a parte per le leguminose

  • fagioli borlotti nani e fagioli rampicanti, fagiolini, pisello odoroso possono essere seminate in entrambe le lune

Semenzaio oppure no

Photo credit Carmela Kia Giambrone
Photo credit Carmela Kia Giambrone

Alcune varietà necessitano di essere seminate in modo protetto oppure devono venir selezionate prima dell’impianto, ecco perchè è bene utilizzare un semenzaio che può essere benissimo realizzato da voi.

Potrete riciclare, per esempio, le vaschette di plastica porta pomodorini da supermercato, sono forate sul fondo ed hanno una copertura nella parte alta come fossero delle serrette in miniatura oppure utilizzando i portauova, in cartone o plastica, che possono essere tagliati e nel caso della carta, interrati assieme al terriccio ed ai semi stessi.

Ancora potrete realizzare dei piccoli vasi con della semplice carta da giornale ed un poco di manualità.

Sarà uno di quei lavoretti perfetti da fare con i bimbi e creerete in pochi gesti il vostro semenzaio fatto in casa.

 

Photo credit Carmela Kia Giambrone

 

Semine in semenzaio:

  • Cavoli
  • Lattughe da taglio
  • Cime di Rapa

Semine che possono essere seminate direttamente in terra:

  • Rucola
  • Carote
  • Zucche e zucchini
  • Cicorie e radicchi
  • Prezzemolo, basilico e melissa
  • Cetrioli
  • Fagiolini e fagioli
  • Meloni ed angurie

 

Photo credit Carmela Kia Giambrone

Potrete scegliere anche di acquistare piantine già grandicelle da trapiantare, sarà più veloce e semplice ma certo vi perderete parte del piacere cioè quello di seminare e veder nascere dal nulla le vostre nuove piantine dell’orto sul balcone.

Alcune varietà che potrete acquistare saranno:

  • Cavoli
  • Lattughe
  • Peperoni
  • Pomodoro
  • Basilico e borragine
  • Melanzane

Richiamare gli amici impollinatori e gli insetti utili

Photo credit Carmela Kia Giambrone

Non dovrete dimenticare poi di seminare anche i fiori, tanto importanti per gli impollinatori per gli insetti utili come farfalle, api e bombi, coccinelle che è bene richiamare per poter ottenere un buono e sano raccolto in maniera del tutto naturale. Potrete anche costruire o acquistare un piccola casa degli insetti utili.

Photo credit Carmela Kia Giambrone
Photo credit Carmela Kia Giambrone

Scegliete fiori edibili e non tossici soprattutto se avete animali domestici o bambini in casa.

Alcuni fiori che potrete seminare assieme alle altre specie orticole sono

  • le viole
  • la salvia
  • la lavanda
  • i nasturzi

ma anche zucche e zucchini (con i loro fiori) o la camomilla.

In semenzaio potrete seminare:

  • cosmos
  • zinnia
  • finocchio selvatico
  • facelia
  • nigella sativa
  • calendula
  • pisello odoroso
  • coreopsis
  • borragine

 

Photo credit Carmela Kia Giambrone
Photo credit Carmela Kia Giambrone
Photo credit Carmela Kia Giambrone
Photo credit Carmela Kia Giambrone

Concimazione, irrigazione e buon drenaggio

Photo credit Carmela Kia Giambrone
Photo credit Carmela Kia Giambrone

Per quanto riguarda la concimazione, se la terra è nuova e ricca, potrete optare per del concime di ortica oppure del compost, magari autoprodotto costruendo la vostra compostiera da balcone.

Concime di ortica:

1.porre 100gr di ortica in un sacco di plastica bucato

2.porre in un bidoncino con un peso sopra

3.riempire di acqua e lasciare in macerazione per 3 settimane

4.diluire 1:10 con acqua prima di utilizzarlo come un normale consime liquido.

Come costruire la vostra compostiera da balcone:

Inoltre dovrete tenere in grande considerazione il drenaggio, potrete realizzarlo ponendo della semplice argilla espansa sul fondo dei vostri vasi per evitare marciumi radicali e ristagni.

Optate poi , se vi è possibile, per l’irrigazione goccia a goccia, risparmierete tempo e acqua, risorsa tanto preziosa.

photo credit Carmela Kia Giambrone

Patate, zenzero ed altre radici  “mangerecce”

Photo credit Carmela Kia Giambrone

Infine bulbi, radici o semi di radici come

  • la carota
  • il ravanello
  • la barbabietola
  • l’aglio
  • il topinambur
  • lo zenzero
  • la curcuma
  • le patate

possono essere interrate o seminate in sacco o bidone per risparmiare spazio.

Photo credit Carmela Kia Giambrone
Photo credit Carmela Kia Giambrone
Photo credit Carmela Kia Giambrone

Le piante aromatiche e le spontanee

Non dimenticate di riservare un poco di spazio anche alle piante aromatiche e se lo desiderate anche ad alcune piante spontanee.

Photo credit Carmela Kia Giambrone
Photo credit Carmela Kia Giambrone
  • rosmarino
  • erba cipollina
  • prezzemolo
  • menta
  • basilico
  • salvia
  • verbena
  • melissa

e tra le erbe spontanee

  • achillea
  • bardana
  • cicoria
  • ortica
  • equiseto
  • tarassaco

piccola postilla per le piante particolari:

  • stevia
  • rabarbaro
  • perilla
  • aloe
  • luffa

I germogli

In un orto di città i germogli, fatti in casa naturalmente, non possono di certo mancare.

Photo credit Carmela Kia Giambrone
Photo credit Carmela Kia Giambrone
Photo credit Carmela Kia Giambrone
Photo credit Carmela Kia Giambrone

Potrete coltivarli tutto l’anno per fare il pieno di energia e vitamine e per completare il vostro orto sul balcone mangereccio.

Vi basterà creare, con le vostre mani, il vostro germogliatore fai da te.

Come realizzare un germogliatore di semi fatto in casa

Photo credit Carmela Kia Giambrone

Ecco come realizzare con le vostre mani in 4 semplici step, un germogliatore di semi commestibili.

Ingredienti:

  • un vaso di vetro
  • un poco di retina riciclata da cipolle, aglio o patate
  • un elastico

Procedimento:

1.tagliate la retina in modo che copra l’imboccatura del barattolo
2.rifinite il bordo con le forbici
3.posizionate l’elastico a chiudere il barattolo come fosse un tappo
4.ecco che il vostro germogliatore fatto in casa a costo zero è pronto

Come utilizzare il vostro germogliatore

Non dovrete far altro che riempirlo con i vostri semi da germogliare (un paio di cucchiai saranno più che sufficienti) e dopo una notte di ammollo, procedere a scolare l’acqua e risciacquare i semi direttamente nello stesso barattolo, senza rimuovere la retina che farà da colino integrato.

Ricordate di compiere l’operazione di risciacquo sia la mattina e la sera.
In 3-5 giorni, a seconda del seme che avrete posto a germogliare, otterrete freschi i vostri germogli fatti in casa.

Il Tavolo orto sul balcone

Se lo desiderate potrete realizzare anche un comodissimo tavolo orto in poche e semplici mosse: sarà comodo, pratico e vi permetterà di mantenere un’altissima organizzazione.

Photo credit Carmela Kia Giambrone

 

Photo credit Carmela Kia Giambrone

 

Non dimenticate di preparare la difesa

Non dimenticate di realizzare dei macerati per difendere le vostre coltivazioni in maniera del tutto naturale come quello di ortica, quello di aglio e quello di equiseto per far fronte ad eventuali attacchi di fitofagi, muffe e patogeni che proprio in primavera fioriranno nel vostro orto, anche in città.

Alcuni macerati utili:

Macerato di ortica fermentato:

combatte afidi e ragnetti

1kg di ortica fresca o 200gr di ortica secca in 10lt di acqua
dopo 4 gg si ottiene il macerato fermentato immaturo

diluizione 1:50 su terreno, radici e foglie

Decotto di equiseto:

ammollare 1kg di equiseto fresco in 10lt di acqua per 24h (oppure 150gr secco)

poi bollire 30min a fiamma bassa, quindi fare raffreddare e filtrare

diluizione 1:5, si usa quando c’è il sole come azione preventiva e acuta su micosi

Estratto di pomodoro:

combatte le cavolaie

porre 2 manciate di foglie e getti giovani in un mortaio quindi lasciare macerare in in 2lt di acqua per 3 ore

poi versare ogni 2 gg nel terreno

Decotto di menta:

repellente per formiche

500gr di menta in 5lt di acqua

fare bollire per 30minuti, fare raffreddare quindi filtrare ed utilizzare

Decotto di bucce di cipolla:

combatte acari e micosi come la peronospora di pomodori e patate

50gr di bucce lasciate per 7gg in macerazione in 1 lt di acqua

dopo questo tempo utilizzatela senza diluizione

Allontanare le lumache, limacce, afidi e cocciniglia in modo naturale:

 

Photo credit Carmela Kia Giambrone

-macerato di aglio

per allontanare lumache, afidi, cani e gatti

2-3 spicchi di aglio in 1lt di acqua, lasciare in macerazione al sole per 10gg, filtrare, diluire fino a 10 volte ed utilizzare

-acqua e pepe nero

per allontanare bruchi, afidi e cocciniglie

2 cucchiai in 1 bicchiere da spruzzare sulle piante

Infine un piccolo accorgimento: conservate cenere e fondi di caffè per apportare al terreno di tanto in tanto elementi nutritivi utili.

La cenere aggiungere potassio e stimola la germinazione delle talee inoltre la cenere di legna, utilizzata
al mattino sulle piante umide, combatte gli afidi, posta sul terreno invece allontana le lumache (da non utilizzare sulle piante acidofile come azalee ed ortensie!)

 

Potrete optare inoltre nel richiamare predatori naturali come le coccinelle: seminando i fiori e le piante giuste, come quelle elencate poco sopra, arriveranno spontaneamente, in ogni caso non utilizzare insetticidi o diserbanti se non avete intenzione poi di portare anche quelli nei vostri piatti.

Frutta buona anche in piccoli spazi

Photo credit Carmela Kia Giambrone

 

Photo credit Carmela Kia Giambrone
Photo credit Carmela Kia Giambrone
Photo credit Carmela Kia Giambrone
Photo credit Carmela Kia Giambrone

In piccoli spazi alcuni frutti potranno entrare a far parte del vostro orto sul balcone: è il caso della frutta rossa come more, ribes e mirtilli e delle fragole ma anche, volendo dedicare loro dello spazio, a delle varietà baby di anguria e melone ed ancora dell’uva magari a chicco piccolo come quella fragola.

 

In conclusione, ecco come con piccoli accorgimenti e seguendo alcuni importanti consigli potrete avviare un giardino edibile anche in città ed in piccoli spazi.

 

Photo credit Carmela Kia Giambrone

 

Coltivare il proprio cibo in un orto sul balcone è un cambiamento di stile di vita, è un modo per abbattere lo stress, rilassandosi e godendosi al momento del raccolto, i benefici degli sforzi fatti.

Buona coltivazione urbana a tutti!

 

-tutte le foto presenti nel post sono di mia proprietà e molte di loro potete trovarle sul mio profilo Instagram

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Print Friendly, PDF & Email

dimmi cosa ne pensi, lascia un tuo commento!