4chiacchere, Informazione, Iniziative Veg, Viaggi

La mia valigia Eco-Vegan

photo credit Carmela Kia Giambrone

Problema: come organizzare la valigia vegan?

Mettiamo che dovete partire in vacanza e che come la sottoscritta siete vegani ed ecologisti e allora seppur in vacanza perché mai dovreste rinunciare a ciò in cui credete?
Sel web vi sono decine e decine di liste scaricabili e programmi che vi permettono di creare automaticamente la vostra perfetta lista per la valigia perfetta ma ….nessuna risulta essere nè ecocompatibile nè vegan ecco perciò il motivo del mio post.

Per risolvere i piccoli-grandi problemi in cui potreste imbattervi durante quest’impresa, l’unica cosa che dovete fare è ORGANIZZARVI.

Organizzazione è la parola chiave.

Ovvio che tutto dipende dal dove andrete perché è chiaro che una cosa è se andrete in albergo o in un appartamento, un’altra è se andrete in campeggio con tenda e zaino in spalla, magari muovendovi in treno.

Quest’anno io andrò in un appartamento quindi non dovrò contrarre le mie esigenze per far fronte ai problemi di spazio o di sistemazione.

In ogni caso la prima cosa che faccio per evitare alla RADICE questi problemucci (che ho sperimentato durante una vacanza di due settimane in campeggio zaino in spalla) che rischierebbero di rovinare le vostre settimane di relax, è una serie di efficientissime liste:

  • cosa mettere in valigia
  • cosa mettere nell’eco-beauty (sono ecologica ma pur sempre una ragazza!)
  • cosa mettere nella borsa della “dispensa take-away” vegan

La mia lista del “cosa mettere in valigia” è chiaramente poco interessante visto che molto probabilmente è uguale a quella di tutti: t-shirt, short, costumi, infradito, se non consideriamo un germogliatore, uno stuoino per sushi e una pentola a pressione.

Lista dell’Eco-Beauty

La cosa però si fa interessante (o almeno così qualcuno l’ha definita) quando si tratta della Lista dell’Eco-Beauty che annovera:

-Sapone di Alleppo (cioè quello che sostituisce più che egregiamente docciaschiuma, shampoo, detergente viso, detergente intimo)
-Bicarbonato (cioè quello che sostituisce deodorante e dentifricio)
-Olio essenziale di Tea Tree (cioè quello che sostituisce antimicotici,ciò che darà sollievo ai ponfi e respingerà altri attacchi, anti-afte/herpes labiali/frouncoli…, disinfettante orale…)
-crema alla calendula (per scottature estreme che il doposole non può alleviare o per eritemi sempre causati dal sole o per lenire le punture d’insetto)
-crema all’arnica (non si sa’ mai tra scarpinate varie magari può sempre capitare una contusione o una storta!)
-burro di karitè (come post doccia è il massimo!)
-aceto di mele (diluito in acqua è un perfetto balsamo!)
-crema solare SPF15 o 20 (Lavera)
-crema doposole (Lavera)
-mix oli essenziali anti-zanzare (uso quello della TeaNatura o della Flora-Pisa)
-mooncup
-make-up minimal (kajal, mascara, lip-gloss e per le serate più chic, polvere iridescente per occhi)
-acqua di profumo (io uso olio essenziale al geranio-che oltre ad avere un ottimo profumo è anche antizanzare- mixato con un paio di gocce di alcool-etilico alimentare il tutto diluito in acqua e messo in uno spray)
-sapone di marsiglia in scaglie biodegradabile (io uso quello dell’almacabio che provvedo a grattugiare e riporre in una busta a chiusura ermetica) utile per lavare velocemente t-shirt, costumi o biancheria intima
-diffusore antizanzare (io uso quello della Flora-Pisa)

Dispensa “take-away” Vegan

Invece la lista di cosa mettere nella borsa della “dispensa take-away” Vegan (e quindi delle cose che più frequentemente non troverete nei negozi di alimentari “comuni”) perfetta per preparare panini e pranzi vegan a prova di carnivori è questa:
-B12
-musley pronto autoprodotto
-latte di soia (in brick)
-malto
il tutto per la colazione;

-legumi secchi (soprattutto ceci e fagioli e soia mung -azuki verdi- per fare i germogli perfetti nelle insalate o nei panini!)
-alghe (le nori sono le più comode per fare dei sushi freschi e veloci ma anche le kombu sono importanti soprattutto per i legumi!)
-salsa di soia (shoyu o tamari a voi la scelta) e miso oppure gomasio (a seconda del vostro gusto)
-gallette (io amo quelle di mais versatili e comodissime!)
-affettati vegetali vari, wurstel di soia, formaggi vegan* e maionese di riso (necessari per buonissimi panini-spiaggeschi!)
-tofu (utile per 1000 usi: creme spalmabili, dolci freschi, secondi, grigliato per panini…)
-soia granulare
-farina di ceci (utile per fare farinate buone sia fredde che calde!)

-lievito in scaglie
-panna vegetale da cucina
Chiaro che questo è l’essenziale ma non così “essenziale”, si può eliminare o sostituire una o più voci a seconda dei propri gusti o esigenze, ma queste sono “le-Mie”.

 

Spero in qualche modo d’aver semplificato la vita a qualcuno o almeno dato una risposta a chi si chiede come i vegani facciano quando partono: si organizzano!

*sì lo so’ c’entra pochissimo ma ho appena fatto un’ordine su Semidipapavero per i formaggi vegan sheese…appena arrivano vi dico!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Print Friendly, PDF & Email

3 thoughts on “La mia valigia Eco-Vegan

  1. molto utile questa valigia equo-eco-vegan! soprattutto per quelle che come me lasciano sempre a casa qualcosa!! (però nel tuo beauty manca dentifricio, spazzolino e spazzola capelli… non sono l’unica per fortuna!!! XD )

    baci e buona vacanza!!!!

  2. no no il dentifricio è il bicarbonato….e…sìììì….è vero lo spazzolino e il pettinone a denti larghi me li sono dimenticata….^-^….braaaaava!!!:)
    graaazie mille :)buone vacanze anche a te! un bacione

dimmi cosa ne pensi, lascia un tuo commento!