Slowliving

Riuso e riciclo: come usare i fondi di caffè

Fondi di caffè
Fondi di caffè • Photo credit Carmela Kia Giambrone

Il caffè, immancabile protagonista del profumo che si sente la mattina appena svegli grazie a quel “qualcuno” che con tanta dolcezza ve lo prepara, si presta a mille e un uso anche dopo averlo sorseggiato.

Mille e uno usi dei fondi di caffè

Primo uso, facile e di larghissimo impiego, quello in giardino: vi basterà infatti aver l’accortezza di conservarlo facendolo essiccare, aggiungendolo poi nel terriccio per rendere il substrato di nuovo fertile e ricco.

A causa del suo valore di acidità meglio non esagerare e non concentrarlo solo in alcuni vasi o alcuni punti del giardino così certamente non rischierà di “bruciare” alcuna radice, come spesso invece si sente dire, quindi niente paura usatelo con tranquillità ma con buonsenso.

Frutti rossi coltivazione
Frutti rossi orto su balcone • Photo credit Carmela Kia Giambrone

Secondo modo per poterlo aggiungere alle nostre piante è quello di

continua a leggere l’articolo su Patreon.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Print Friendly, PDF & Email

2 thoughts on “Riuso e riciclo: come usare i fondi di caffè

  1. Non pensavo che gli scrub fossero fatti di plastica! Pensavo fossero tipo cristalli di sale e che si sciogliessero con l’acqua! Un’altra cosa da eliminare allora!
    Grazie

    1. Ciao Alice, purtroppo alcuni invece sono proprio fatti con micro sfere di materiale pastico, anche se ci sembra assurdo alle volte prodotti banali come uno scrub può davvero avere un impatto importante sul Pianeta quando basterebbe davvero poco! In effetti tra caffè ma anche bicarbonato, sale marino, nocciolini di oliva e altri materiali assolutamente naturali è possibile ottenere la stessa efficacia! 🙂

dimmi cosa ne pensi, lascia un tuo commento!