Cucina vegan

Persone, crauti, muffin e slowliving

Da qualche giorno mi capita di incontrare sempre più spesso persone che mi parlano di autoproduzione, culture artigiane, idee, costruzioni ed azioni eco-compatibili.

io posso dire di provarci ma certamente non si può dire che la mia vita sia eticamente ineccepibile.
Chiaccherando e chiaccherando, ascolto di persone che parlano di villaggi immersi nel verde e fatti da persone, pensieri e ideali forti, leggo di scritti creati per resistere, riflettere e cambiare, insomma tutto questo mi aiuta nel rimanere ferma nella mia consapevolezza di essere in un mondo così pieno di idee, persone e azioni reali che in fondo quello in cui ognuno di noi crede di vivere è il mondo ma non è altro che il proprio piccolo mondo, perciò l’unica cosa da fare è allargare i margini del proprio piccolo mondo e far entrare quello dei nostri fratelli, delle nostre sorelle e della nostra Vera Realtà, provarci anche se sembra inutile, credere anche quando si è soli a crederlo e perseverare anche quando sembra inutile.

Ho preparato con il pressaverdure i crauti: avevo in frigo 2 cavoli verza, così ho deciso di cimentarmi nella fermentazione. Li ho tagliati sottili sottili, li ho lavati e li ho messi a strati nel mio nuovissimo pressaverdure, alternandoli con delle spolverate di sale e senza utilizzare spezie o aromi visto che è la mia prima fermentazione in cui mi cimento.
Ora staranno al buio nel mio armadio delle sperimentazioni e tra una quindicina di giorni vedremo che cosa ne sarà derivato: se tutto sarà andato come doveva  potranno essere travasati in vasetti, ricoperti del liquido di governo e stipati in ambiente fresco. Quindi ho provveduto alla sterilizzazione dei vasetti.

Quindi mi sono cimentata anche nella preparazioni di deliziosi goduriosi muffin vegan: al cioccolato, al cocco, alla carota e uvette e alle mandorle e cacao, ecco la ricetta!

Ricetta dei muffin vegan

Photo credits Carmela Kia Giambrone

per 8 muffin:
100 g farina 00, 50g di farina di manitoba, 40 g fecola di patate, 1 cucchiaio di lievito per dolci, 100 g di zucchero di canna (oppure 130gr di malto sciolto nei 150ml di latte di soia caldo) ,40 g olio di mais, 150 ml latte di soia, 100 g di cioccolata fondente grattuggiata;

Procedimento:

mettete gli ingredienti solidi in una terrina e i liquidi in un’altra terrina, quindi uniteli facendone un composto denso tipo impasto della torta, riempite i pirottini che avrete posizinato nella teglia per muffins e cuocete in forno a 180°C per circa una ventina di minuti.

se poi volete esagerare, preparate una crema al cioccolato da mettere sopra (sciogliendo del cioccolato fondente e versandolo sopra ai muffin cotti e già freddi,goduriosi!)

Photo credits Carmela Kia Giambrone

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Print Friendly, PDF & Email

2 thoughts on “Persone, crauti, muffin e slowliving

  1. Trovo che ci siano vari modi di essere equo,eco sostenibili e condivido il pensiero di essere aperti a gli altri senza chiudersi nel nostro piccolo mondo.Complimenti per i muffin e in bocca al lupo per i mercatini!

dimmi cosa ne pensi, lascia un tuo commento!