Autoproduzione, Consapevolezza, Ecosostenibilità, Oggetti utili

La tua vita senza plastica: sperimenta il #plasticfreejuly e l’autoproduzione

Estate: tempo di relax, certo, ma anche di istanti liberi per riflettere e progettare, lasciando vagare la mente tra le mille e una idee che la popolano durante tutto il resto dell’anno.

Uno dei tanti argomenti che affollano la mia è certamente la sostenibilità. Spesso per molti il concetto di impronta è spesso un concetto legato a grandi azioni che, se viste dal proprio piccolo punto di vista, può far quasi quasi spaventare o addirittura donare senso di impotenza. Niente di più lontano dalla realtà in effetti basta pensarci un attimo sù.

Per essere più sostenibili, verdi e attenti all’ambiente basta esserlo un poco di più tutti i giorni compiendo i gesti quotidiani che facciamo da sempre, aggiungendo però un pizzico di sensibilità e consapevolezza in più di quella che usiamo di solito.

Plastic free july: 1 mese senza plastica

In questi giorni il tam-tam corre sui social, Instagram per primo: la campagna #plastifreejuly è partita dall’Australia ed ha interessato più di 150 paesi (in Italia c’è la famosa Zero Waste Italia che dal 2009 si pone come obiettivo i rifiuti zero e che con mia grande fortuna, ho potuto incontrare il suo presidente Rossano Ercolini alcuni anni fa durante una presentazione all’ecostreet di Arezzo). Grazie alla Fondazione omonima che dal 2011 ha come mission la costruzione di un movimento nel mondo che riduca l’uso della plastica e ne migliori il riciclaggio, questo hashtag ha risvegliato non poco le coscienze di chi si era per un attimo scodato le brutte immagini di mammiferi, pesci e persone che ormai da tempo vivono in un vero e proprio oceano di plastica e microplastica.

La domanda allora sorgeva spontanea: chi lo crea questo oceano?

altrettanto spontanea arrivava la risposta: noi, con i nostri gesti e le nostre scelte quotidiane (e qui insomma ritorniamo a parlare di boicottaggio, consumo critico e consapevolezza insomma…)

 

Ridurre il consumo di plastica quotidiana (ma non solo, anche di acqua, risorse, energia e tempo) non è un’azione da supereroi né un atto di magia. Riguarda noi, la nostra volontà di cambiare ed agire sulle nostre abitudini per creare un modo di vivere (e consumare) su questo pianeta più rispettoso e sostenibile.

Il riciclo infatti non basta ed un recente rapporto redatto dalla Scuola Agraria del Parco di Monza per conto di Greenpeace ha di fatto messo in luce una carenza decisamente importante: secondo i dati Corepla del 2017, di tutti gli imballaggi in plastica immessi al consumo, solo poco più di 4 su 10 vengono effettivamente riciclati, 4 invece vengono bruciati negli inceneritori.

Le microplastiche

Altro enorme tasto dolente poi sono le microplastiche che affollano acque e mari, sì perchè forse alle volte parlare di Oceano fa sembrare il problema sufficientemente lontano da non riguardarci (dimenticando di fatto uno dei cardini principe: tutto, sul Pianeta, è collegato).

Viste le loro micro-dimensioni, queste minuscole parti plastiche, che generalmente sono contenute in dentifrici e scrubs commerciali (che possono essere ben sostituiti come sa bene chi legge il blog da fondi di caffè, spazzole naturali, bicarbonato, sale marino ma non solo…), non vengono filtrate dai sistemi di depurazione delle acque e si riversano così direttamente nei fiumi, nei mari e negli oceani, seguendo poi le catene trofiche contaminano così gli ecosistemi naturali.

I risultati delle analisi sui campionamenti effettuati negli organismi prelevati nel Mar Tirreno (Liguria, Toscana, Lazio e Campania) nell’ambito della ricerca scientifica condotta dall’Università Politecnica delle Marche, Greenpeace e dall’Istituto di Scienze Marine del CNR di Genova ha di fatto reso no noto che il 25-30% dei pesci ed invertebrati analizzati presenti nel Mar Tirreno, conteneva micro particelle di plastica, evidenziando livelli di contaminazione paragonabili a quelli già riscontrati negli organismi analizzati nell’Adriatico.

Il challenge su plasticfree.org

Sul sito di Plastic Free.org è possibile partecipare al challenge iscrivendosi al loro form, per sperimentare durante tutto il mese di luglio, la riduzione dell’uso della plastica nella vita quotidiana. Inoltre, la fondazione, ha creato un vademecum molto utile su come essere più sostenibili nei diversi ambiti quotidiani ed insomma si sa che in questi casi le informazioni non sono mai abbastanza (andate a leggere, qualche consiglio è davvero utile!)

Il mio Kit 365 plastic free

Questo il mio “Kit di sopravvivenza” per cittadino sostenibile 365giorni/365, perchè la sostenibilità non è a giorni alterni e perchè duri, va coltivata e protetta come una piccola nuova pianta che ogni giorno cresce sempre di più.

Sì allo sfuso ed all’homemade, da portare con sè utilizzando:

  • vetro
  • inox
  • stoffa

e quando è possibile ovviamente riciclato e non ex-novo.

Addio al pronto ed al take-away (ed al fast-food!), alla carta “usa e getta” e naturalmente alla plastica.

 

photo credit Carmela Kia Giambrone #plasticfree

 

Nella foto qui sopra potete vedere il mio di kit verde da utilizzare all’infinito (e oltre!):

  • bottiglia in vetro per l’acqua da portare sempre con sè per evitare bottigliette di plastica ed affini (io non amo particolarmente porre la plastica a contatto con cibi e bevande)
  • thermos in acciaio inox per tisane, tè, caffè e dire addio alle malefiche macchinette
  • mini posate da passeggio, cucchiaio-forchetta-coltello per mangiare tutto ma proprio tutto anche fuori casa
  • vasetto in vetro perfetto per piccoli snack come yogurt, semi oleosi, frutta, rigorosamente riciclato!
  • vasetto ermetico porta pranzo: andrà benissimo anche nello zaino, non perderà e rimarrà ben chiuso
  • tovaglietta, tovagliolo, porta posate in cotone per apparecchiare la vostra tavola ovunque vi troviate
  • borsina portatutto in cotone perfetta per ogni evenienza (spesa, regali, raccolte…)

Tutto riutilizzabile all’infinito, proprio come in natura (#dallebuccenasconoifiori insegna) dove nulla è un rifiuto ma una risorsa.

In tema di “homemade” sul Giornale del cibo, magazine di cucina con il quale collaboro da qualche tempo, nella rubrica vegetariani e vegan,  potete leggere un mio articolo che parla di come preparare lo yogurt vegetale fatto in casa così da risparmiare un bel quantitativo di plastica oltre che anche qualche soldino.

In fondo l’autoproduzione è la vera chiave per una vita più verde e sostenibile, non credete?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Print Friendly, PDF & Email

dimmi cosa ne pensi, lascia un tuo commento!